Home Comunicati stampa Maugeri. Costituzione parte civile atto dovuto

Maugeri. Costituzione parte civile atto dovuto

0
1

Lo scandalo Maugeri è una ferita aperta per tutte la famiglie lombarde che faticano ad arrivare a fine mese.

Da questo punto di vista la costituzione di parte civile di Regione Lombardia, che – lo apprendiamo dai giornali – pare essere voluta dal Presidente Maroni per i fatti contestati all’ex presidente Formigoni, è condizione necessaria ma non sufficiente: tutti i lombardi sono stati fortemente danneggiati dallo spoglio di denaro pubblico avvenuto nella clinica privata pavese. Attendiamo che Maroni passi dalle dichiarazioni ai fatti.

Il gruppo M5S Lombardia quest’estate, in sede di approvazione di bilancio, ha proposto al Consiglio regionale di abrogare la cosiddetta “legge Daccò”, dal nome del noto faccendiere della sanità privata lombarda arrestato e condannato e che per tre anni ha pagato vacanze di lusso all’ex governatore Formigoni, ma il Presidente del Consiglio regionale Cattaneo ha eccepito l’impraticabilità della discussione del nostro emendamento in Aula per motivi “tecnici”. E la questione a tutt’oggi non viene più affrontata.

Quella legge, in soli tre anni, ha consentito l’erogazione di circa 180 milioni di euro alla sanità privata senza alcun monitoraggio o rendicontazione che abbia attestato un’effettiva utilità per i pazienti ed un migliore servizio per il cittadino, ed a nostro parere va cancellata proprio perché ha reso possibile lo scandaloso spreco di danaro pubblico che ora l’autorità giudiziaria dovrà accertare, oltre all’utilizzo dello stesso per finalità private o interessi personali. Bene costituirsi parte civile, ma bisogna poi concretamente rimuovere le cause che determinano il sedimentarsi di corruttele e ruberie nel campo sanità a scapito dei cittadini.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali