Home Notizie Proposta di legge per lo stop al finanziamento indiscriminato della strutture ospedaliere private

Proposta di legge per lo stop al finanziamento indiscriminato della strutture ospedaliere private

0
1
http://commons.wikimedia.org/wiki/Image:RobertoFormigoniLombardia.jpg?uselang=it
Foto Goldmund100 Wikicommons

Il Movimento 5 Stelle, contestualmente al patteggiamento della clinica Maugeri e alla vigilia del processo che vedrà coinvolto Formigoni perché accusato di associazione per delinquere e corruzione, ha depositato una proposta di legge regionale per cancellare le forme di finanziamento pubblico alla Sanità Privata che ha trascinato la Sanità lombarda nell’illegalità.

Nella proposta, intitolata “Norme in materia di abrogazione legge Daccò” che ha come prima firmataria la portavoce del Movimento 5 Stelle Silvana Carcano, si legge: “Chiediamo finalmente di mettere una pietra sopra a questa pagina nera della sanità lombarda tra arresti, processi e condanne per reati come associazione per delinquere finalizzata a reati fiscali, appropriazione indebita, corruzione e turbativa d’asta”.

L’articolato è secco e chiede l’abrogazione dell’articolo 25 del testo unico della sanità legge regionale 33/2009.

“Quell’articolo è alla base dello sviluppo di un sistema opaco di finanziamenti alle strutture sanitarie private che ha contribuito all’insediarsi di ruberie, corruttele e malaffare in un corto-circuito tra politica e sanità privata con  responsabilità a tutti i livelli istituzionali. E’ uno scempio che va cancellato rapidamente dal Consiglio regionale perché quel sistema non ritorni ad alimentarsi di risorse pubbliche” , spiega Silvana Carcano.

“Vorremmo che il progetto di legge sia discusso rapidamente mentre attendiamo che la Regione si costituisca parte civile, come promesso da Maroni nei giorni scorsi, contro Formigoni: il sistema di finanziamento delle aziende ospedaliere private, sulle quali il (poco) Celeste avrebbe dovuto vigilare, ha sottratto dalle tasche dei lombardi milioni di euro di risorse con un danno ingente per tutta la collettività”, conclude Carcano.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali