Home Ambiente e Protezione Civile Le banche abbandonano Pedemontana: resta il buco da 3 miliardi di euro
Le banche abbandonano Pedemontana: resta il buco da 3 miliardi di euro

Le banche abbandonano Pedemontana: resta il buco da 3 miliardi di euro

0
3

pedemontana-fallimento

Gli istituti di credito hanno disertato la gara che avrebbe permesso alle casse di Autostrada Pedemontana Lombarda di  racimolare i soldi per i lotti B2 e C, oltre ai 200 milioni di euro per la copertura del prestito ponte che scadrà il 31 gennaio 2016. Il motivo è semplice, come sottolineato anche da Legambiente e come ripetuto da noi più volte nei mesi scorsi: le banche non credono in un progetto che ritengono vecchio, costoso e non profittevole e, memori anche del recente caso della deserta BreBeMi (Link), temono che l’investimento non rientri dai ricavi dei pedaggi.

I dettagli di questa gara sono degni di un film di Totò. Doveva chiudersi il 14 settembre con l’avviso perentorio che non sarebbe stata “praticabile” la valutazione di “richieste di proroga al termine di presentazione delle offerte”. Poi però di offerte non se ne è vista nemmeno una, quindi la gara è stata puntualmente prorogata al 25 settembre. Peccato che anche in questa data nessuna banca si sia fatta viva con un’offerta. Quindi non si è trovato di meglio da fare che prorogarla nuovamente al 16 novembre.

Per salvare il progetto faraonico dell’autostrada Pedemontana le hanno provate tutte, ma il buco da 3 miliardi (tanto serve per finire il mostro) resiste alle balle spaziali dei vari assessori alla Fabrizio Sala e Alessandro Sorte che in Regione fingono che l’opera “si farà tutta”. Ora che è conclamato che anche le banche abbandonano la nave, ad affondare insieme ad essa dovrebbero essere anche i politici che l’hanno prima voluta e poi difesa ad ogni costo.

E che dire della cosidetta opposizione del PD? Ieri il Capogruppo in Regione Enrico Brambilla ha dato il meglio di sé dichiarando “Che qualcosa non andasse lo avevamo percepito due settimane fa” (quando Pedemontana non si è presentata in Commissione Territorio)… ma noi è da anni che denunciamo questa situazione! Verrebbe da dire: “buongiorno Brambilla, ben svegliato!”. Il nostro poi prosegue: “Prima di far partire qualsiasi cantiere chiederemo che vi sia l’intera copertura finanziaria. Non vorremmo che si iniziasse a sventrare la Brianza senza conoscere la conclusione dei lavori”. Per la serie, sventriamola pure la Brianza, ma tutta eh! non solo un pezzettino!

Ora, dopo la debacle delle banche, non resta che sperare che i politici di destra e di sinistra, ugualmente amanti del cemento, si tolgano una buona volta le fette di salame sugli occhi e capiscano che non ci sono più le condizioni per gettare inutile asfalto in giro per la Lombardia e che bisogna cominciare a riqualificare la rete stradale esistente e potenziare il trasporto pubblico, senza inutili devastazioni del nostro già martoriato territorio. Basta autostrade pacco!

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali