Home Iolanda Nanni Big match treni: M5S Lombardia VS Assessore Sorte
Big match treni: M5S Lombardia VS Assessore Sorte

Big match treni: M5S Lombardia VS Assessore Sorte

0
1

MATCH CON SORTE 17-03-2016

Oggi, in seduta di Commissione Infrastrutture e Trasporti, l’Assessore Regionale ai Trasporti ha dato risposta a tre interrogazioni del M5S sulle seguenti linee ferroviarie pavesi:

–          Dir. 22 Voghera-Pavia-Milano

–          Dir. 23 Stradella-Milano

–          Dir. 24, 27, 28 Codogno-Pavia, Alessandria-Torrebetti-Pavia, Vercelli-Mortara-Pavia

–          Dir. 25 Alessandria-Mortara-Milano

Iolanda Nanni, consigliere regionale M5S, dichiara: “Abbiamo ottenuto risposte estremamente deludenti dall’Assessore Regionale ai Trasporti alle nostre interrogazioni sulle linee ferroviarie pavesi all’interno delle quali abbiamo chiesto di avere un quadro preciso della programmazione degli investimenti sull’infrastruttura, il materiale rotabile e le stazioni. I risultati si possono sintetizzare in due parole: investimenti insufficienti ed inadeguati a rispondere alle esigenze dei pendolari: al territorio pavese vanno solo le briciole

“Partiamo – continua la Nanni – dalla direttrice 22 Voghera-Pavia-Milano, la cui utenza si attesta sui 36.189 viaggiatori al giorno e numerosi problemi relativi ai guasti all’infrastruttura ed al materiale rotabile: sulla puntualità c’è un miglioramento di 7 punti, ma la direttrice non arriva neanche all’80% di puntualità. Sulle soppressioni il dato è sorprendente: su 1065 soppressioni di treni nel 2014, ce ne sono ben 726 nel 2015. Non è prevista alcuna introduzione di nuove corse né di nuovo materiale rotabile per il 2016.  Per le stazioni sono stati previsti lievi interventi solo per Certosa di Paiva (tinteggiatura WC) e Pieve Emanuele (apertura di un bar e della sala d’attesa) e Villamaggiore (lavori di tinteggiatura per coprirei graffiti). Mentre nulla è previsto per le stazioni di Locate Triulzi, Lungavilla, S.Martino Siccomario-Cava Manara, Voghera. Abbiamo chiesto maggiori informazioni rispetto agli interventi in corso nella stazioni di Pavia e ci è stata confermata l’attivazione degli ascensori a servizio dei 6 binari per l’anno 2016 e il nuovo ACC di Pavia per marzo 2017 che sostituirà il vecchio apparato risalente al 1937 con uno nuovo computerizzato che consentirà maggiore flessibilità negli itinerari di stazione e una più rapida gestione delle anormalità, nonché accentramento del coordinamento della gestione della circolazione. E’ anche prevista la sostituzione delle batterie stazioni e PGA sulla Voghera-Piacenza ed il rifacimento delle connessioni tra casse induttive e rotaie tra Voghera e Tortona, nonché la soppressione dei passaggi a livello sulla tratta Milano-Pavia-Voghera.”

“Per la direttrice 23 STRADELLA-MILANO, la cui utenza si attesta su 7.332 viaggiatori al giorno, abbiamo chiesto all’Assessore i dati 2015 su ritardi e soppressioni. L’Assessore ha dichiarato che si è registrato nel 2015 un miglioramento della puntualità di +8% rispetto al 2014 ma non si riesce ad arrivare neanche all’80% di puntualità, nonché attesta una diminuzione delle soppressioni di circa il 30% rispetto al 2014. Sui guasti all’infrastruttura, c’è una diminuzione del 30%: 346 guasti nel 2014 contro i 242 guasti del 2015, tuttavia con un incremento di guasti sul nodo di Milano rispetto al 2014. Numeri dunque ancora molto lontani dagli obiettivi di puntualità e affidabilità del servizio su questa linea. Abbiamo chiesto se per il 2016 si prevede l’inserimento di nuove corse e nuovo materiabile su questa linea, la risposta è stata negativa. Per quanto riguarda le stazioni sulla linea, abbiamo chiesto se sono previsti interventi di riqualifica nelle stazioni di Stradella, Broni, Barbianello, Pinarolo Po, Bressana Bottarone e Bressana Argine, e anche qui la risposta è stata negativa. Per la stazione di Bressana Argine addirittura è prevista la chiusura della sala d’attesa da parte di RFI per il ripetersi di atti vandalici.”

“Per quanto riguarda – prosegue Nanni – le tre direttrici pavesi non elettrificate, cioè la Codogno-Pavia, la Pavia-Torreberetti-Alessandria e la Pavia-Mortara-Vercelli, a metà gennaio sono stati introdotti tre nuovi treni ATR Stadler acquistati dalla Regione per il territorio pavese. Peccato che – osserva Nanni – gli stessi siano stati messi K.O. cinque giorni dopo da atti vandalici e sulle linee viaggino oggi sempre le solite littorine diesel di vecchia generazione. A seguito di ciò, Regione Lombardia ha formalmente richiesto a TRENORD di disporre di ulteriori 2 ATR per queste linee. Sui guasti all’infrastruttura la situazione non è purtroppo migliorata. Rfi tuttavia mi ha confermato di aver provveduto alla sostituzione del 100% delle casse di manovra dei passaggi a livello con un nuovo modello e la progressiva sostituzione dei cavi di relazione che sono stati appena ultimati sulla Vercelli-Mortara-Pavia. Alla mia domanda relativa agli interventi sulle stazioni di queste linee, la risposta è stata che non ne sono previsti, tranne che per la stazione Lambrinia, dove nel 2016, sarà “valutata” l’installazione di una piccola tettoia in plexiglass per la protezione dalla pioggia dei viaggiatori, come richiesto dal Comune. Per la stazione di MIRADOLO TERME si prevede la muratura delle porte WC e la tinteggiatura della sala d’attesa. Si sta valutando la chiusura del servizio viaggiatori per la stazione di Motta San Damiano. Per la stazione di Casalpusterlengo, è previsto entro aprile 2016 l’incremento dei cestini porta rifiuti ed è programmata la tinteggiatura dell’atrio della sala d’attesa. Infine, per Codogno, è prevista l’integrazione di cestini per rifiuti, delle panche esterne e si prevede la tinteggiatura dell’atrio della sala d’attesa e la riparazione del WC.”

Iolanda Nanni prosegue con l’illustrazione delle novità per la direttrice 25 ALESSANDRIA-MORTARA-MILANO: “Sulla puntualità dei treni, l’Assessore registra un aumento delle performance dell’8% rispetto al 2014 che si riduce al 4ì% sul tratto S9. Sulle soppressioni treni che, nel 2014, erano 412, si registra un calo nel 2015 a 268, ma non sul tratto S9 (Albairate-Milano) dove i dati sono spaventosi: 2079 soppressioni nel 2014 contro le 1398 del 2015 che sono comunque tantissime e sintomo di gravi criticità sulla linea. Proprio questi dati allarmanti relativi ai treni soppressi, fanno si che si stia valutando di inserire questa direttrice ferroviaria fra le c.d. “linee critiche del 2016”, quelle che godono di una particolare attenzione e monitoraggio per migliorare le performance. Anche sul problema dell’affollamento delle corse di punta, TRENORD dichiara di star valutando un adeguamento della composizione treni, ma solo dopo un ennesimo monitoraggio della situazione a cura dell’azienda. Per gli interventi sulla linea, previsti per il 2016, RFI sta programmando un ennesimo piano di manutenzione straordinaria. Nel 2016, si programma rinnovi di binario nella tratta Mortara-Parona e Parona-Vigevano oltre che il rinnovo di una campata di binario tra le stazioni di Gaggiano ed Albairate caratterizzata da riflussi argilossi. Verrà infine completato il livellamento dell’armamento finalizzato al miglioramento degli indicidi di qualità nella tratta Albairate-Vigevano. Nella tratta Alessandria-Mortara, a partire da marzo 2016, avranno inizio i lavori di risanamento in galleria di Valenza, volti ad eliminare il rallentamento esistente”.  Non è infine previsto l’innesto di nuovo materiale rotabile sulla linea per l’anno 2016.”

 

  • Susanna Farinella

    E te pareva che della linea mortara-casale, della quale ci avevano assicurato (parole del ns. sindaco) il ripristino entro settembre 2015 (sigh), non se ne parli proprio…. ancora una volta!!!