Home Notizie Tariffazione integrata trasporto pubblico: lavoriamo per bloccare gli aumenti e promuovere la tariffa unica
Tariffazione integrata trasporto pubblico: lavoriamo per bloccare gli aumenti e promuovere la tariffa unica

Tariffazione integrata trasporto pubblico: lavoriamo per bloccare gli aumenti e promuovere la tariffa unica

0
3

Implementare il sistema tariffario integrato del trasporto pubblico in Lombardia. Lo chiede una mozione del M5S Lombardia, a firma Simone Verni, che sarà discussa nel prossimo consiglio regionale di martedì 15 gennaio. L’atto chiede di aprire immediatamente in Commissione Trasporti la discussione sul tema dell’integrazione tariffaria.

Simone Verni dichiara: “Prima di Natale siamo riusciti a far saltare il blitz di PD e Lega che avevano presentato un emendamento al bilancio col quale avrebbero voluto consentire l’aumento delle tariffe del trasporto pubblico locale di Milano e Brescia, spacciandolo per integrazione tariffaria.

A Milano il biglietto  sarebbe passato da un euro e mezzo a due euro, come proposto dal sindaco Giuseppe Sala del PD. Il M5S chiede una riflessione ponderata nelle sedi opportune.   L’aumento va in direzione opposta a quella del miglioramento della qualità dell’aria e dei servizi di trasporto. Se il PD vuole uccidere il trasporto pubblico locale si accomodi altrove, l’obiettivo di Regione Lombardia deve essere quello di rendere più vantaggioso l’uso dei mezzi pubblici rispetto all’auto privata”.

Per Massimo De Rosa, consigliere regionale del M5S Lombardia, “Non c’è tempo da perdere. La nostra posizione è sempre stata coerente: sì alla tariffa integrata e no agli aumenti arbitrari. Incomprensibilmente, invece di voler cercare soluzioni che incentivino l’utilizzo del trasporto pubblico locale il PD preferisce buttarla in caciara. Per il bene di tutti e l’interesse dei cittadini, auspichiamo una maggiore serietà: la questione deve essere trattata con urgenza dalla Commissione regionale Infrastrutture prima e del Consiglio Regionale poi”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali