Home Antimafia M5S ancora a Como al processo per mafia: “così sosteniamo i testimoni”
M5S ancora a Como al processo per mafia: “così sosteniamo i testimoni”

M5S ancora a Como al processo per mafia: “così sosteniamo i testimoni”

0
3

E’ ripreso ieri in Tribunale a Como il processo sulla ‘ndrangheta che tre anni fa ha cercato di mettere le mani sui locali della vita notturna della città di Cantù.

Raccogliendo l’invito di Monica Forte (Presidente della Commissione Antimafia di Regione Lombardia), presente in Tribunale, alcune liste civiche e partiti della città hanno deciso di partecipare all’udienza in aula per sopperire alla mancata costituzione parte civile delle istituzioni e garantire un supporto ai testimoni.

Già la scorsa settimana la Commissione Antimafia di Regione Lombardia era presente con il presidente Monica Forte, il vicepresidente Alex Galizzi e alcuni collaboratori della Commissione. Tra il pubblico c’erano anche i rappresentanti dell’associazione “Progetto San Francesco”, impegnata nella lotta contro le mafie.

Proprio dal supporto della società civile ai soggetti chiamati a deporre che spesso ritrattano le dichiarazioni rese alle Forze dell’Ordine per paura di subire delle ritorsioni, parte un ulteriore invito di Raffaele Erba che esorta tutti a non mollare la presa.

“Il nostro appello è di fare una sorta di “staffetta” tra istituzioni, consiglieri, associazioni e anche cittadini per assicurare la presenza in aula di una componente della società civile – le parole del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle – A tal proposito, si potrebbe predisporre un calendario per poter garantire un sostegno costante ai testimoni e a chi si è costituito parte civile”.

Una “battaglia” da vincere, quella contro la ‘ndrangheta, a prescindere dalle differenze ideologiche.

“I testimoni non vanno lasciati soli – ribadisce Raffaele Erba – Mi rivolgo a tutta la società civile e a tutte le forze politiche: invito tutti a restare uniti e a mettere da parte le divisioni”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali