Home Programma completo 2013 Stato e ambiente

Stato e ambiente

programma2013-stato-ambiente

La Sanità fagocita la maggior parte delle risorse economiche della nostra regione, spesso per finanziare cliniche ed istituti privati che finiscono col perseguire il profitto, non solo prima, ma addirittura a scapito della salute del paziente, come è tragicamente emerso da recenti vicende giudiziarie.
È perciò essenziale eliminare il binomio ‘Azienda’ + ‘Sanitaria’, un ossimoro dannoso alla salute dei cittadini.
In questo senso chiediamo anche che la politica, con i suoi clientelismi e interessi particolari, esca dalla sanità.

L’arruolamento di personale in ogni settore della PA deve sottostare a criteri di meritocrazia e competenza. Vivere in un ambiente salubre è non solo una condizione necessaria per il miglioramento della qualità della vita, ma anche un mezzo importante di prevenzione sanitaria e di tutela del benessere.

Chiediamo che siano restituite le funzioni di Polizia Giudiziaria ad ARPA. La tutela e la protezione dell’ambiente devono essere prioritari, attraverso la riqualificazione energetica di edifici e impianti, l’utilizzo delle fonti rinnovabili, e una decisa politica di “Rifiuti Zero”.

Riteniamo importante importante diffondere una cultura civica di gestione solidale degli spazi verdi, delle aree di pregio e degli spazi di mitigazione paesistica come parchi e boschi.
Siamo per il rispetto degli animali e per una convivenza rispettosa con tutti gli esseri viventi.

 

Sanità

★ Applicare l’art. 32 della Costituzione: educazione alla salute e alla prevenzione.

★ Estromettere i partiti dalla sanità e dall’assegnazione dei fondi per la ricerca.

★ Internalizzare i servizi sanitari.

★ Superare l’accostamento tra le parole azienda e sanitaria, ossimoro inaccettabile.

★ Introdurre un regolamento legislativo delle medicine complementari.

★ Verificare il rispetto e applicazione delle leggi che tutelano i diritti dei diversamente abili su tutto il territorio regionale.

★ Riordinare la legge sui CreG (modalità di presa in carico dei pazienti affetti da patologie croniche) e sui fondi NASKO (per il sostegno economico di interventi a tutela della maternità e a favore della natalità). Ridefinizione del ruolo del medico di base orientata alla prevenzione e maggior tutela del paziente.

 

Ambiente, Energia, Rifiuti

★ Restituire ad ARPA le funzioni di polizia giudiziaria, severa limitazione dell’esternalizzazione dei servizi di analisi e controllo del territorio.

★ Contrastare l’inquinamento delle falde acquifere e di superficie e ristrutturare la gestione degli alvei fluviali e lacustri

★ Riprogettare il piano energetico regionale che valorizzi la ricerca sulle fonti rinnovabili e la gestione intelligente dell’energia (Es. Smart grid, Transition Town), ristrutturare la obsoleta rete distributiva energetica.

★ Introdurre la classe energetica B quale standard minimo obbligatorio per edifici nuovi e/o in ristrutturazione.

★ Promuovere la riconversione energetica di edifici pubblici e privati sfruttando le potenzialità delle società ESCO (società che effettuano interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica).

★ Realizzare la strategia Rifiuti Zero. Creare Centri di riuso e recupero. Riciclare la materia ad esempio attraverso Trattamento Meccanico Biologico (TMB).

★ Dismettere gradualmente gli inceneritori incrementando il compostaggio domestico, la riduzione degli imballaggi e l’uso di prodotti alla spina.

 

Animalismo

★ Promuovere un cambiamento culturale dei rapporti tra esseri umani e non umani, improntato sul riconoscimento del comune status etico.

★ Incentivare lo studio di metodologie biomediche che possano andare a sostituirsi alla sperimentazione sugli animali ed obbligo di adozione di quelle già disponibili convalidate OCVAM e OCSE

★ Vietare l’utilizzo ed esposizione di animali all’interno di circhi e zoo

★ Regolamentare i criteri di allevamento, esposizione e vendita di animali basata sulla tutela della loro dignità, salute e benessere.

★ Promuovere campagne culturali e percorsi formativi volti a creare rapporti positivi di convivenza uomoanimale

★ Supportare la conversione degli allevamenti intensivi in allevamenti estensivi, biologici, che privilegino la qualità della vita dell’animale.

★ Revisionare la legge sulla caccia in vista della sua cassazione.

★ Riproporre il referendum contro la caccia su base regionale.