Agricoltura, montagna e parchi Ambiente e Protezione Civile Consiglieri Regionali Roberto Cenci

Diamo ai giovani la possibilità di sognare

L’articolo di Roberto Cenci (Consigliere M5S Lombardia) su La Prealpina:

Siamo ciechi, sordi e muti, il lettore si chiederà il perché di questa affermazione, semplice, i comparti ambientali quali Aria, Acqua, Suolo e Biota si stanno frantumando e noi, come gli struzzi, mettiamo la testa sotto la sabbia.

Prendiamo ad esempio il cielo, è sereno, le nubi sono scomparse da due mesi, non piove e l’acqua ovviamente scarseggia nei fiumi e nei laghi. Non nevica nelle montagne, un grave problema perché nei mesi caldi la neve sciogliendosi sarebbe andata a riempire i fiumi, acqua che servirà all’agricoltura, agli allevamenti e anche a noi.

Un altro problema che provoca molti morti ogni anno, tanti quanti il malefico Covid, parlo delle polveri sottili che vedono aumentare la loro concentrazione. Una bella pioggia sarebbe sufficiente a lavare l’aria, ma non piove.

I danni per la salute umana e per l’ambiente sono incalcolabili, aggiungiamo le alte temperature di questi giorni, non dimentichiamo che siamo in inverno, sembra essere in primavera, basti pensare che lo zero termico si è innalzato molto ed erode piano piano i nostri ghiacciai.

Si parla di implementare le energie rinnovabili, noi produciamo una buona parte di questa energia pulita con gli impianti idroelettrici presenti nelle montagne.

Quando i ghiacciai scompariranno, sì, scompariranno, si parla che tra una quarantina di anni non ci sarà più un cristallo di ghiaccio sulle nostre montagne, non avremo più tale energia, nello stesso tempo non avremo acqua per irrigare le coltivazioni della pianura, per abbeverare gli animali, non immagino al disastro che andremo incontro.

Questo è lo scenario che ci aspetta perché nessuno si muove, siamo capaci di solo parole, fatti pochi. Tutto questo avviene per il cattivo comportamento che teniamo e che abbiamo avuto negli ultimi cento anni, abbiamo guardato troppo al benessere personale e al denaro.

Un altro aspetto che devo presentare è dato dall’aumento vertiginoso della popolazione mondiale, l’aumento è di circa 80 milioni ogni anno, tra poco raggiungeremo gli 8 miliardi di abitanti, un problema enorme, come si farà a gestire in modo corretto la biosfera.

Petrolio, carbone e gas, sono i combustibili fossili, il loro utilizzo senza controllo ha immesso e produce il principale gas climalterante, l’anidride carbonica. Sento parlare di ambiente, sono sempre chiacchiere, la transizione ambientale è diventata la parola di moda, si parla di piantumare miliardi di alberi, dove sono, io non vedo nulla.

Economia circolare altro termine alla moda. L’attuazione di progetti per salvare l’ambiente deve avvenire oggi, domani sarà troppo tardi.

Non riusciamo a capire che l’ambiente è ammalato, i cambiamenti climatici sono in atto, i risultati sono devastanti e tutti li possiamo toccare con mano.

Mi domando e chiedo al lettore: saremo capaci di cambiare rotta, siamo ancora in tempo? Domanda alla quale non so rispondere.

Posso dire che non possiamo più perdere tempo, le opere che metteremo in campo oggi, porteranno i loro benefici tra anni, se aspetteremo e perderemo altro tempo forse sarà troppo tardi. Noi anziani, noi politici, abbiamo inoltre una grande colpa: non diamo la possibilità ai giovani di sognare.

Articoli Correlati

TAR boccia parti del calendario venatorio regionale, Verni: Questa maggioranza è da “cacciare” per manifesta incapacità

Redazione Staff

Maltempo sul Lago di Como. Erba: “Regione Lombardia si assuma le sue responsabilità”

Redazione Staff

E l’ambiente? Dimenticato