Home Comunicati stampa La manovra finanziaria è l’occasione per cancellare la legge Daccò

La manovra finanziaria è l’occasione per cancellare la legge Daccò

0
0

Il Consiglio regionale lombardo di domani, grazie ad uno dei numerosi emendamenti presentati dal Movimento 5 Stelle Lombardia, avrà finalmente l’occasione per abrogare la cosiddetta Legge Daccò.

Con la semplice approvazione dell’emendamento, che chiede la cancellazione dell’articolo 25 della legge regionale 33 del 2009, i consiglieri regionali potrebbero dire la parola fine a un sistema opaco di assegnazione di denaro pubblico a enti privati che ha causato i noti scandali che hanno portato al crollo del sistema politico formigoniano. Sono degli ultimi mesi le prime condanne a imprenditori, politici e lobbysti per reati gravi come associazione per delinquere finalizzata a reati fiscali e appropriazione indebita.

Molti dei protagonisti di quella stagione, come Roberto Formigoni, restano ancora in attesa di giudizio con capi di imputazione come corruzione, turbativa d’asta e associazione a delinquere.

Con un atto concreto Movimento 5 Stelle chiederà ai consiglieri regionali di seppellire quel sistema di malaffare e uno stop al drenaggio discrezionale di denaro pubblico all’imprenditoria privata.

Per M5S è un atto dovuto ai cittadini lombardi che hanno visto un’intera classe politica, insieme a numerosi imprenditori del settore della sanità, adottare comportamenti opportunistici e non orientati a una gestione virtuosa della cosa pubblica con un danno enorme per la collettività.

Movimento 5 Stelle presenterà domani emendamenti e ordini del giorno al rendiconto generale per il 2012 e assestamento al bilancio per il 2013 nel corso di una conferenza stampa a partire dalle 13.30 presso Palazzo Pirelli – sala B primo piano Consiglio regionale della Lombardia, via Fabio Filzi 22.

I Consiglieri di Movimento 5 Stelle Lombardia

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali