fbpx
Home Sanità e Politiche Sociali Nomine direttori sanità, un progetto di legge che premia il merito

Nomine direttori sanità, un progetto di legge che premia il merito

0
0

Il Movimento 5 Stelle Lombardia ha depositato un progetto di legge di modifica alla Legge regionale 33 che disciplina la Sanità lombarda che, se approvato, rivoluzionerebbe i criteri delle nomine dei direttori generali sanità.

La figura del direttore generale nasceva nel 1992 con l’intento di aziendalizzazione le strutture erogatrici di prestazioni sanitarie e per rafforzare la dimensione regionale nelle funzioni di programma, controllo e  governo complessivo del sistema. Negli intenti il direttore generale avrebbe dovuto non essere politicizzato e lavorare in ambito manageriale. Con un decreto del Ministro Rosi Bindi del 1999 la figura diventa però di carattere fiduciario per il Presidente della Regione che nomina i direttori generali. Nel 2012 con il cosiddetto Decreto Balduzzi si è cercato di ovviare alle distorsioni che il sistema delle nomine politiche ha creato e di fissare, almeno a livello nazionale, alcuni criteri che inserissero nella scelta dei direttori generali elementi di qualità individuale di tipo manageriale.

Con il progetto di legge il Movimento 5 Stelle chiede che la Regione recepisca le indicazioni del Decreto Balduzzi e le  adatti alle specificità della Lombardia in modo che i criteri di nomina siano totalmente certi e trasparenti e favoriscano la buona gestione della sanità pubblica.

“E’ un progetto che impone trasparenza, merito e professionalità. Per il Movimento 5 Stelle per diventare direttore generale sono necessari requisiti professionali stringenti e verificabili e la distanza da qualsiasi conflitto di interesse.

La fedina penale di un direttore generale deve essere inappuntabile: la nostra proposta esclude dall’amministrazione della sanità persone che abbiano condanne, anche non definitive, per delitti contro la pubblica amministrazione o contro l’ordine pubblico”, spiega Silvana Carcano, prima firmataria del progetto.

“Altri requisiti per noi fondamentali – continua – sono l’assenza di doppi incarichi, una età massima e un trattamento economico fisso, trasparente e congruo. Chiediamo poi una valutazione periodica dei direttori generali e una relazione alla Commissione della Salute e un maggior coinvolgimento del Consiglio regionale e della Commissione stessa nelle decisioni relative alle nomine e nel controllo del sistema”.

“Oggi abbiamo direttori generali di nomina politica e il sistema è una stampella della casta. Riportare efficienza e fiducia nell’amministrazione significa trovare il corretto equilibrio tra chi prende le decisioni e chi amministra e fermare la fame di poltrone della casta”, conclude Carcano.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali