Home Cultura e sport Scuola pubblica e aiuto ai più deboli? CL si mette di traverso

Scuola pubblica e aiuto ai più deboli? CL si mette di traverso

0
0

In Giunta, probabilmente sollecitati dal Ricorso al TAR di due genitori, si sta discutendo di ridefinire i criteri di accesso al sostegno al diritto allo studio passando da un sistema basato sui redditi a un sistema basato sull’indicatore socioeconomico. Pare che sul tema due assessori si siano scontrati. Aprea vorrebbe un sistema di erogazione meno sbilanciato mentre Melazzini, di Comunione e Liberazione, si sarebbe messo di traverso.

Paola Macchi, portavoce del Movimento 5 Stelle Lombardia, dichiara: “Come mai l’Assessore Aprea si è accorta solo ora che il sistema è sbilanciato? Dal 2001  i fondi pubblici vengono erogati dalla Regione Lombardia con sistemi di valutazione del reddito chiaramente sbilanciati a favore delle famiglie che  mandano i figli alle scuole private in barba all’articolo 33 della Costituzione.

E’ inqualificabile l’atteggiamento di CL che fa le barricate per dirottare i fondi pubblici a famiglie già abbienti che possono permettersi di mandare i figli alle scuole private. Una cosa è certa: i cittadini sono stanchi di una classe politica che invece si essere attenta ai reali e gravissimi problemi della nostra scuola pubblica si muove solo per difendere il proprio orticello”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali