Home Ambiente e Protezione Civile Interrogazione su “boati notturni” nel cremonese e richiesta di attenzione dell’Assessorato Regionale all’Ambiente

Interrogazione su “boati notturni” nel cremonese e richiesta di attenzione dell’Assessorato Regionale all’Ambiente

0
0

ITR Boati ArvediM5S Lombardia ha presentato un’interrogazione (qui il video integrale: https://www.youtube.com/watch?v=NvWOJZLX6IY) sui continui boati, scroscii e vibrazioni provenienti dall’acciaieria Arvedi che affliggono dal 2008 i cittadini del cremonese, in particolare di Cava Tigozzi e Spinadesco.

Iolanda Nanni, consigliere regionale M5S Lombardia dichiara: “Ci siamo fatti portavoce in Regione delle numerose segnalazioni ricevute in questi mesi dai cittadini del cremonese, esasperati dai fortissimi rumori, provocati da veri e propri boati, subiti durante la notte fra le ore 22 e le 6.00 del mattino.

Abbiamo fatto presente all’Assessore Regionale all’Ambiente come dal 2008 a oggi in quest’area non sia stato ancora realizzato un efficace piano di risanamento acustico nonostante le ripetute denunce dei cittadini alle autorità locali che, pur attivandosi, non sono state capaci di risolvere il problema in tutti questi anni. Abbiamo richiesto ed ottenuto un attenzionamento del caso da parte di Regione Lombardia che dovrà provvedere anche a promuovere un piano di monitoraggio continuo e di controlli efficaci anche ai fini sanzionatori poichè, a fronte di violazioni dei limiti di legge, le rilevazioni restano sulla carta ma non vanno a sanzionare chi provoca questi fortissimi disagi.

Infine, a fronte della recente richiesta da parte dell’acciaieria di potenziare la capacità produttiva a 3 milioni di tonnellate, abbiamo evidenziato come sia necessario che Regione Lombardia provveda ad assoggettare tale richiesta a Valutazione di Impatto Ambientale, anche tenendo conto del fatto che l’acciaieria sinora non è stata assoggettata alla VIA nonostante le gravi criticità verificarsi in tutti questi anni”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali