Home Ambiente e Protezione Civile Rifiuti radioattivi a Buffalora (BS): l’assessore si attivi per le bonifiche

Rifiuti radioattivi a Buffalora (BS): l’assessore si attivi per le bonifiche

0
0

800px-Trinity_007Il Movimento 5 Stelle della Lombardia ha presentato una interrogazione a risposta scritta alla Giunta Maroni sul grave problema della contaminazione da Cesio nella ex-Cava Piccinelli di Buffalora (BS), che ospita dagli anni ’90 scorie radioattive. Il Comune di Brescia, nel dicembre 2012, ha dato incarico alla Nucleco (società pubblica specializzata nella gestione dei rifiuti radioattivi) per la rimozione dei fusti radioattivi che sono stati rinvenuti aperti e abbandonati in un capannone nell’ex cava. Nei mesi scorsi la Prefettura di Brescia ha scritto al Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, chiedendo l’aiuto del dicastero “per la concreta possibilità che la falda freatica, anche in ragione della eccessiva piovosità degli ultimi periodi, possa raggiungere i rifiuti radio contaminati”.

Giampietro Maccabiani, consigliere del Movimento 5 Stelle, dichiara: “Le scorie radioattive, inutile dirlo, sono una minaccia concreta per la salute pubblica e il materiale contaminato deve essere rimosso. Con l’interrogazione chiediamo alla Giunta quale sia il piano di monitoraggi predisposto da ARPA sulla falda e di estenderlo, visto che, da agosto ad ottobre, ha grandi oscillazioni di profondità. Chiediamo anche se sono state condotte indagini epidemiologiche sulle popolazioni residenti in zona che sono state esposte ad alti livelli di radioattività e se Regione Lombardia intenda far parte del gruppo di lavoro avviato dal comune di Brescia”.

“Pretendiamo poi che Regione Lombardia sviluppi un piano regionale di messa in sicurezza, di monitoraggio radiometrico annuale e di indagini e analisi dei siti contaminati o presunti tali che insistono su tutto il territorio regionale. Sul tema delle bonifiche e dei controlli la Giunta non può permettersi di perdere altro tempo prezioso”, conclude Maccabiani

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali