Milano Sanità e Politiche Sociali Silvana Carcano

Pronto soccorso del San Paolo (MI), ritardo inammissibile. Valutare la posizione del direttore generale

sanpaoloAl 13 marzo 2014 il nuovo pronto Soccorso dell’Ospedale San Paolo di Milano risulta “ancora chiuso” nonostante l’inaugurazione sottotono del 6 dicembre 2013. Il progetto di ristrutturazione del presidio, che risale a oltre dieci anni fa, prevedeva l’apertura nel 2012. Il ritardo nella consegna del presidio è diventato oggetto di una interrogazione del Movimento 5 Stelle Lombardia. A scatenare l’indignazione è anche la conferma da parte della Giunta Regionale del dott. Enzo Umberto Brusini alla direzione dell’azienda ospedaliera, di cui si chiede invece di rivedere la valutazione del direttore generale.

Silvana Carcano, consigliere M5S dichiara: “Onestamente non riusciamo a comprendere le valutazioni dell’Assessorato alla Salute che ha riconfermato il direttore generale del San Paolo considerando raggiunti gli obiettivi di mandato: sono quasi dieci anni che aspettiamo l’apertura del pronto soccorso”.

“All’Assessore alla salute chiediamo se non è sufficiente la mancata apertura del presidio per recedere il contratto con il dirigente del San Paolo e quali sono i motivi per i quali il nuovo Pronto soccorso è sbarrato”, conclude Carcano.

Articoli Correlati

Liste d’attesa, Mammì: «Il rispetto dei tempi d’attesa non può essere un regalo di Natale»

Redazione Staff

Degli Angeli: «All’ospedale di Lodi mancano garze e medicinali, sono gli effetti della (non)riforma Moratti-Fontana»

Parcheggio a pagamento al policlinico San Donato. Di Marco: “Non si lucra su chi si cura. Regione valuti proposta per sosta gratuita”

Redazione Staff