Home Legalità e trasparenza Lotta alla mafia: i partiti bocciano un ordine del giorno di M5S

Lotta alla mafia: i partiti bocciano un ordine del giorno di M5S

0
0

M5S Lombardia ha portato all’attenzione del Consiglio regionale un ordine del giorno che chiedeva di inserire, in un progetto di legge sul programma di lavoro della Commissione europea e le politiche europee di maggior interesse per la Lombardia, i temi della lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata.

Il Consiglio regionale, con il voto dei partiti di Lega Nord, Lista Maroni, Nuovo Centro Destra, Forza Italia e Fratelli d’Italia, ha bocciato l’ordine del Giorno. Il sottosegretario Ugo Parolo ha espresso rammarico per la mancata approvazione dell’ordine del giorno e accampato pretestuose ragioni di non funzionalità degli strumenti tecnici dell’aula che gli avrebbero impedito di intervenire a favore del documento di M5S.

L’ordine del giorno chiedeva un impegno economico della Giunta per efficaci misure contro la corruzione nelle aziende partecipate, monitoraggio sulla corruzione e di rendere la Commissione Antimafia un organismo davvero operativo nel controllo dell’illegalità.

Per Silvana Carcano, consigliere del Movimento 5 Stelle, “evidentemente per i partiti la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata non è una priorità. E’ evidentemente più forte di loro se votano contro la lotta alla mafia in un atto di indirizzo che non ha nemmeno la forza di legge”.

“In un momento nel quale la Magistratura ha i fari puntati sull’illegalità negli appalti delle aziende partecipate della regione – spiega Carcano – ci aspettavamo almeno un atto simbolico che non è arrivato.  Certo, votare contro la lotta alla corruzione, noi che produciamo la meta della corruzione europea, e la lotta alle mafie rende i partiti complici dell’illegalità in Lombardia. Sono senza ritegno! La Lombardia ormai non è più una regione a rischio di infiltrazioni di criminalità organizzata, è invece un luogo con infiltrazioni di LEGALITÀ, quelle del M5S!”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali