Home Ambiente e Protezione Civile Defiscalizzazione Pedemontana: chiederemo all’UE se non è un aiuto di stato illecito

Defiscalizzazione Pedemontana: chiederemo all’UE se non è un aiuto di stato illecito

0
2

L’1 agosto 2014 il CIPE, Comitato interministeriale per la Programmazione Economica, si è riunito e ha approvato la defiscalizzazione per l’autostrada Pedemontana. Chi realizzerà l’opera si vedrà ridurre di ben 349 milioni di euro le tasse.

Gianmarco Corbetta, consigliere del Movimento 5 Stelle, dichiara: “Pedemontana è sull’orlo del fallimento e invece di chiudere i cantieri, con i minori danni possibili per i cittadini e il territorio, il governo Renzi, in perfetta sintonia con Maroni, ha pensato bene di concedere uno sconto di 349 milioni di euro all’opera. Quegli euro rappresentano un mancato incasso per lo Stato, sono risorse pubbliche che vengono sottratte ai cittadini e regalati ai privati”.

Il M5S Lombardia ribadisce il giudizio negativo su di un’opera che distrugge il territorio, priva i cittadini di risorse a beneficio di aziende private ed è inutile dal punto di vista viabilistico. “Sto lavorando in stretta collaborazione con i nostri portavoce a Roma e a Bruxelles per presentare in tempi rapidi un atto formale al Parlamento Europeo per chiedere se la defiscalizzazione si configura come un aiuto di stato in violazione della normativa europea. Vogliamo che l’Unione Europea si pronunci: è lecito che venga concesso a chi realizza Pendemontana di non pagare le tasse mentre chi sta costruendo altre opere pubbliche invece le tasse le deve pagare fino all’ultimo centesimo?” conclude Corbetta.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali