Home Diritti e pari opportunità Legge regionale anti-moschee, capolavoro di paranoia legislativa

Legge regionale anti-moschee, capolavoro di paranoia legislativa

0
1

moschea no_postVoto contrario del Movimento 5 Stelle della Lombardia al progetto di legge regionale che regolamenta l’apertura di nuovi luoghi di culto.

“Nonostante i profili di incostituzionalità siano stati ammorbiditi all’ultimo minuto dalla maggioranza, quanto approvato dal consiglio regionale oggi è un capolavoro di paranoia legislativa. Oltre che inutile, è un pasticcio urbanistico e legislativo che burocratizza all’inverosimile l’apertura di tutti i nuovi luoghi di culto invadendo competenze statali, ledendo liberta’ costituzionali e ledendo l’autonomia dei Comuni che gia’ avevano tutti gli strumenti urbanistici per discutere con la propria cittadinanza progetti di nuove attrezzature religiose.

Con questa legge la maggioranza criminalizza tutti i 420 mila musulmani che lavorano e risiedono regolarmente in Lombardia vendendo il mito che impedire nuove moschee significa avere piu’ sicurezza. Come se impedire la costruzione di moschee regolari potesse fermare i terroristi.  In Lombardia ci sono 700 centri di preghiera irregolari che la Lega vorrebbe costretti alle catacombe come i primi cristiani secoli fa. La sbornia propagandistica della Lega, contagiando tutta la maggioranza, produce mostri come questo provvedimento”.

Eugenio Casalino – M5S Lombardia

 

 

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali