Home Ambiente e Protezione Civile Nomine Bea: il Pd ha dato il peggio di sé!
Nomine Bea: il Pd ha dato il peggio di sé!

Nomine Bea: il Pd ha dato il peggio di sé!

0
0

corbetta bea

Avevamo chiesto discontinuità nelle nomine del Consiglio di Amministrazione di Bea, ben sapendo che erano parole al vento. Ma questa volta il Presidente della Provincia Gigi Ponti, i sindaci soci e il Partito Democratico della Brianza hanno davvero superato se stessi. Deve esserci stato un fraintendimento tra noi e il PD. Chiedevamo che Bea si trasformasse da società di incenerimento a società di riciclo, ma parlavamo di rifiuti, non di politici trombati

Come presidente Bea è stata nominata Daniela Mazzuconi, ex senatrice PD, trombata alle ultime elezioni politiche del 2013. Come consiglieri entrano Juri Caturelli, ex assessore di Limbiate negli anni 90, Alberto Suppa, ex consigliere comunale e membro della segreteria del PD di Muggiò e – last but not least – niente meno che Filippo Carimati, avvocato, ex assessore di Cesano nonché longa manus di Gigi Ponti in praticamente tutte le società partecipate delle Brianza (da Alsi a Brianzacque, da Sib a Bria e molto altro ancora).

Insomma siamo di fronte alla solita occupazione partitica delle aziende partecipate, uno dei mali più oscuri della politica italiana, che tanti danni ha creato al nostro Paese.

corbetta numeri

Avevamo chiesto un management con idee nuove, al passo coi tempi e con in testa una politica industriale rivolta al futuro e a un gestione virtuosa dei rifiuti e ci ritroviamo quattro figure organicissime al Partito Democratico, messe lì per garantire la piena continuità con il passato.

Avranno grane pesantissime da affrontare, a partire dai problemi nell’aggiudicazione della gara per la turbina sollevati dal Collegio Sindacale, per non parlare delle risultanze della sentenza del Tar della Lombardia secondo le quali BEA non è soggetto titolato a ricevere l’affidamento in house del servizio di gestione dei rifiuti. Cosa che di fatto fa crollare tutto il castello di carte messo in piedi per tenere in vita per altri 20 anni l’inceneritore grazie alla fusione con CEM.

L’unico modo per salvare Bea era quello di cambiare radicalmente direzione, invece il PD ha deciso di proseguire sulla strada fallimentare del salvataggio del forno. Ma presto i nodi verranno al pettine e a pagare il conto degli errori di una classe politica miope e retrograda saranno come sempre i cittadini e i lavoratori di Bea.

Gianmarco Corbetta – Consigliere Regionale M5S Lombardia

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali