Andrea Fiasconaro Eventi Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Mantova – Milano, una proposta concreta per ripartire.

Venerdì 23 ottobre alle ore 17:45 si è svolto all’Arci Tom di Mantova il convegno organizzato dal MoVimento 5 Stelle Lombardia “Mantova-Milano, una proposta concreta per ripartire.”

SCARICA LE SLIDE DEL CONVEGNO ► Parte 1Part 2

Un incontro aperto ai cittadini, ai pendolari e agli amministratori locali che ha fatto il punto sulle problematiche e le criticità della linea ferroviaria Mantova-Codogno-Milano, con un focus sul protocollo d’intesa siglato tra regione Lombardia, Trenord ed Rfi nel 2014 che prevede diversi interventi sul tratto ferroviario da finanziare nel più breve tempo possibile, compreso il controverso raddoppio della linea nel segmento Mantova- Codogno.

All’incontro è stato presentato lo studio sull’ipotesi di potenziamento della linea del Politecnico di Milano, affidato all’università dal portavoce regionale Andrea Fiasconaro e dal senatore Luigi Gaetti del M5S, secondo cui, come spiega il docente Paolo Beria, “basterebbe poco per rendere il traffico dei treni più fluido, senza ricorrere a un raddoppio che appare sovradimensionato per la domanda e le esigenze del territorio”.

Abbiamo coinvolto gli amministratori locali e ragionare insieme sull’effettiva fattibilità delle proposte in campo da un lato, ponendo l’accento sulla trasparenza dei finanziamenti e sulle tempistiche reali dei progetti, e sulla possibilità di una maggiore integrazione tra trasporto su ferro e su gomma dall’altro, il tutto per migliorare la percorribilità della linea ferroviaria e la qualità del servizio offerto a cittadini e pendolari.

Articoli Correlati

Flash-Mob: “I giovani” non si fanno più fregare. Una canzone-denuncia contro il precariato

Carolina Russo De Cerame

Salviamo il Parco Sud, Di Marco: «Ferma opposizione contro il tentativo di scippo del centrodestra»

Carolina Russo De Cerame

Simone Verni: «Regione Lombardia chiude la porta a 30mila pendolari. Noi subito disponibili a tavolo di confronto»

Carolina Russo De Cerame