Ambiente e Protezione Civile Iolanda Nanni Notizie

Allarme inquinamento nel torrente Coppa (Pavia): Regione individui i colpevoli del disastro. Interrogazione M5S

“Per 12 km il torrente Coppa, che finisce la sua corsa nel fiume Po’, è privo di vita, animale e vegetale. A causare questo disastro ambientale è uno sversamento di acque rossastre di origine industriale nella località di Casteggio (Pavia), che i cittadini del territorio hanno documentato in un drammatico video. Ora chi ha inquinato deve risanare!” Questa la denuncia della portavoce pavese del M5S in Consiglio Regionale Iolanda Nanni, che ha già presentato un’interrogazione (scarica qui) al Governatore Maroni e all’Assessorato Regionale all’ambiente per chiedere all’istituzione regionale di intervenire urgentemente, identificare i colpevoli dell’inquinamento e mettere in atto le necessarie operazioni di bonifica.

“Dopo aver visionato le immagini che ci hanno inviato i cittadini, abbiamo indagato per verificare da quale azienda potesse provenire il veleno che sta intossicando il fiume e l’ecosistema circostante, ma quello che abbiamo scoperto è incredibile – continua la portavoce pentastellata. Gli sversamenti si verificano da diversi anni e  la guardia forestale era già più volte intervenuta con oltre dieci notizie di reato, sia contro chi gestisce il depuratore di Casteggio (ASM Voghera), sia contro l’azienda AB Mauri, multinazionale di lieviti e sostanze per l’industria alimentare, con sede a Casteggio. Nonostante le multe comminate, tuttavia, né Regione Lombardia, né le amministrazioni locali hanno mai attivato un piano di controlli strutturato e continuativo per individuare la fonte dell’inquinamento e risolvere definitivamente questo gravissimo problema ambientale. E così, a oggi, lo sversamento di acque rossastre nel torrente continua.”

” In questa vicenda – conclude Iolanda Nanni – non si può più aspettare, è urgente che Regione Lombardia intervenga, tramite ARPA, per far analizzare le acque del torrente Coppa e per ispezionare il depuratore di Casteggio e l’impianto industriale AB Mauri perché sappiamo, dai dati dell’ ATO del 2007, che il depuratore di Casteggio serve per oltre l’80% utenze industriali, in particolare proprio lo stabilimento AB Mauri. Oltre all’interrogazione, per andare in fondo a questa vicenda inquietante, ho anche protocollato un accesso agli atti per avere tutta la documentazione, sui controlli ambientali e sanitari, fatti sino ad oggi, relativa al torrente Coppa. Una volta individuata la sorgente inquinante, occorrerà che mettere i costi della sua rimozione e del risanamento a carico del soggetto responsabile in modo da ripristinare le normali condizioni naturalistiche del torrente che, peraltro, scarica i suoi veleni nel fiume Po, essendo un suo affluente.”

 

Articoli Correlati

“Seduto sotto il portico” di Roberto Cenci

Carolina Russo De Cerame

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff

Superbonus 110%: Lombardia si conferma al primo posto per asseverazioni. Il Movimento lavora per il Nord e per le imprese

Redazione Staff