Home Ambiente e Protezione Civile Area Expo sia un grande parco, rispettare volontà cittadini
Area Expo sia un grande parco, rispettare volontà cittadini

Area Expo sia un grande parco, rispettare volontà cittadini

0
0

E’ necessario rispettare la volontà dei cittadini che si sono espressi con un referendum, sul sito Expo va realizzato un grande parco, ogni ipotesi di frammentazione degli spazi a verde e di cementificazione indiscriminata va respinta con forza. I lombardi ne hanno abbastanza di speculazioni e cattedrali nel deserto.

L’interrogazione che ho depositato in Commissione sul futuro dell’area chiede “quali azioni si intendono intraprendere per sostenere il rispetto della volontà dei cittadini e dei consigli comunali di Milano e Rho, garantendo la realizzazione di un “grande parco” unitario all’interno del sito di Expo, soprattutto con il fine di contrastare ogni ipotesi di frantumazione e dispersione della quantità di verde pubblico prevista dagli atti ufficiali” e “se Regione Lombardia è a conoscenza delle motivazione urbanistiche, tecniche o finanziarie che avrebbero condotto Arexpo verso l’ipotesi di una distribuzione diffusa e frammentaria degli spazi a verde previsti nell’Accordo di programma. E non da ultimo, si chiede se tra le motivazioni per cui il presidente Azzone ha cambiato idea sul grande parco ci siano eventuali criticità e/o incompatibilità che potrebbero sopraggiungere tra la “piastra” di Expo e il progetto di parco richiamato in precedenza.

L’idea di un grande parco non può essere accantonata dall’ennesimo piano speculativo di Renzi. Il nuovo progetto è stato condiviso solo nelle stanze dei bottoni, alla faccia della condivisione con chi pagherà per riqualificare quelle aree e cioè i cittadini. Arexpo gestisce tutto in segreto, negandoci documentazione utile a fare chiarezza, e continua a fare bandi per il futuro dell’area senza aver firmato il Protocollo legalità nonostante il prefetto di Milano si sia impegnato personalmente perché la società lo sottoscrivesse. Non vogliamo nemmeno pensare che errori fatti a monte, come sulla piastra, possano generare oggi questi pasticci. Approfondiremo la questione e terremo sempre alta la tensione.

I cittadini e le istituzioni pretendono il parco che era stato promesso. La salvaguardia del territorio deve essere un obiettivo prioritario. Del resto non è una novità come a questo governo, sia a Roma che a Palazzo Lombardia, interessi più spendere i soldi dei cittadini in opere inutili, piuttosto che affrontare i problemi di un territorio e rispondere alla volontà dei cittadini.

Silvana Carcano –  Consigliera regionale del M5S Lombardia

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali