Iolanda Nanni Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Sicurezza stradale e piste ciclopedonali: il ritardo di Sorte rischia di far perdere 2 milioni di euro alla Lombardia.

È ancora in stand by il finanziamento statale di quasi due milioni di euro alla Lombardia per realizzare e mettere in sicurezza piste ciclabili, realizzare percorsi pedonali e ciclopedonali, e per interventi sulla mobilità sicura e sostenibile che il M5S aveva sbloccato a Roma a gennaio 2017. Con un’interpellanza regionale la capogruppo del M5S Lombardia Iolanda Nanni ha chiesto a Sorte se avrebbe presentato un programma di interventi per usare questi 2 milioni in favore dei comuni lombardi e se Regione Lombardia intendeva mettere a disposizione ulteriori propri cofinanziamenti per gli interventi di messa in sicurezza delle piste ciclopedonali ed attraversamenti stradali. Sorte ha risposto oggi in Aula che non è stato presentato (ma si intende farlo entro la scadenza del 1 luglio 2017) un programma di interventi perché la Regione sta ancora studiando i dati dell’incidentalità stradale di ciclisti e pedoni per investire le risorse sui comuni più a rischio incidente”.

Nanni dichiara: “Mancano solo 70 giorni e poi i 2 milioni torneranno a Roma e spariranno per sempre nel mare magno del bilancio statale. L’Assessore Sorte non fa che lamentarsi dei tagli di Roma e non vorremmo che, proprio ora che la Lombardia ha a disposizione risorse statali per 2 milioni di euro, li rimandi al mittente con buona pace della sicurezza stradale per ciclisti e pedoni lombardi. Sorte si deve dare una mossa anche perché gli investimenti regionali sulla sicurezza di ciclisti e pedoni in Lombardia sono rasenti lo ZERO assoluto e perdere questi fondi statali sarebbe un peccato mortale.

Iolanda Nanni – Capogruppo M5S in Regione Lombardia

Il 2 marzo il M5S ha lanciato una call to action ai comuni lombardi per accedere ai fondi.

Articoli Correlati

Salviamo il Parco Sud, Di Marco: «Ferma opposizione contro il tentativo di scippo del centrodestra»

Carolina Russo De Cerame

Simone Verni: «Regione Lombardia chiude la porta a 30mila pendolari. Noi subito disponibili a tavolo di confronto»

Carolina Russo De Cerame

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff