Dario Violi Diritti e pari opportunità Notizie

Sulle barriere architettoniche da trent’anni la Lombardia prende in giro i disabili.

Nessuna risposta alla mia interrogazione, discussa oggi dal Consiglio regionale, sull’attuazione delle leggi nazionali e regionali per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Prendono in giro le persone disabili. In trent’anni la Lombardia non ha mosso un dito sulle barriere architettoniche negli edifici e sul suolo pubblico. Esiste una legge nazionale del 1986 che imponeva a tutti i comuni di adottare un piano per l’eliminazione delle barriere entro un anno. Per i numerosi comuni che non hanno adottato il piano la regione deve nominare un commissario, cosa che non è mai avvenuta. Nel 1989 una legge regionale approvata dalla Lombardia creava un organismo tecnico scientifico per censire le barriere negli edifici pubblici e per proporre soluzioni per il loro abbattimento. A quanto ci risulta quell’organismo non è mai stato realmente istituito. Abbiamo chiesto con un’interrogazione alla giunta quale fosse l’applicazione della legge nazionale e regionale sulle barriere architettoniche e ci è arrivata una non risposta a dimostrazione che per la Giunta Maroni trovare una soluzione per le difficoltà che vivono le persone disabili non è una priorità. Ci muoveremo immediatamente affinché le leggi nazionali e regionali sull’abbattimento delle barriere architettoniche siano rispettate, la Lombardia non può permettersi di continuare ad essere un percorso ad ostacoli per le persone con disabilità.

Dario Violi – Consigliere regionale del M5S, denuncia:

Articoli Correlati

Regionali: Non sorprendono i sogni di Azione su Moratti, il PD chiarisca se sta coi progressisti o con il surrogato del centrodestra

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff

Olimpiadi, Violi: «In merito ai ritardi le parole di Fontana sono surreali»

Redazione Staff