Consiglio Regionale News Legalità e trasparenza

Mozione “vittime odio politico”: l’educazione alla non violenza non può essere divisiva

Sulla mozione presentata da Fratelli d’Italia intitolata “Ricordo di Sergio Ramelli e di Enrico Pedenovi come vittime dell’odio politico” siamo intervenuti per affermare che ogni forma di violenza deve essere condannata e nessuno mette in discussione che questi morti siano vittime. Non si può pensare però di insegnare la non violenza raccontando morti violente e mettendole in contrapposizione strumentalmente tra parti politiche. Il Movimento 5 Stelle Lombardia non ha partecipato al voto perché le vittime delle violenza o vanno elencate tutte, dalla prima all’ultima, o nessuna. Un’educazione contro la violenza che ha intenti divisivi non ha senso, valore, utilità e parte da presupposti sbagliati.

Monica Forte – Consigliere Regionale M5S Lombardia

Articoli Correlati

Da Regione No al rimborso abbonamenti Trenord per il mese di luglio. Di Marco: “Pendolari beffati dopo i disastri delle ultime settimane”

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Regione Lombardia boccia il salario minimo, Mammì: «Abbiamo dettato l’agenda sul reddito di cittadinanza, sul taglio dei vitalizi, sulle armi e sulle politiche energetiche. Il vecchio centrodestra si adeguerà anche al salario minimo»

Carolina Russo De Cerame