Marco Fumagalli Notizie Sanità e Politiche Sociali

Agenda comune di prenotazione, geriatria di base, psicologo a scuola: no alle proposte del M5S

La Commissione Sanità ha bocciato gli emendamenti del M5S Lombardia al Piano Regionale Sviluppo di Regione Lombardia, in discussione in questi giorni nelle varie commissioni regionali,  che chiedeva alla Lombardia di dotarsi di “un’unica agenzia comune di prenotazione” per “tutte le prestazioni sanitarie offerte dalle strutture pubbliche e dalle strutture private”, con l’obbiettivo di diminuire l’annoso problema delle liste d’attesa.  Ma non solo, bocciati anche gli emendamenti che chiedevano l’istituzione del Geriatra di base, tra i punti del programma elettorale del M5S Lombardia, e quello relativo allo Psicologo a scuola.

Mi sembra evidente che non ci sia nessuna volontà di abbattere le lista d’attesa né di rendere migliore la qualità della vita delle persone anziane e degli studenti lombardi. L’Assessore Gallera si è espresso più volte a favore di un’agenda unica, mentre in Commissione ci è stato spiegato che non ci sarebbero risorse economiche sufficienti. Per salvare la faccia la maggioranza si è approvata un emendamento che contiene un genericissimo impegno a dotarsi dello strumento. Così si prendono in giro i cittadini che attendono anche dei mesi per sottoporsi agli esami. La Giunta regionale deve trovare le risorse e mettere a sistema un’agenda unica.

Ancora una volta il Piano regionale di sviluppo si dimostra un contenitore di promesse elettorali e non uno strumento di programmazione strategica delle politiche regionali che possono davvero migliorare la vita dei cittadini.

Marco Fumagalli – Consigliere regionale del M5S Lombardia

Articoli Correlati

#SaliAbordo: il M5S Lombardia incontra i territori

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

In Commissione Sanità le modifiche alla riforma Moratti, Fumagalli: «Correzioni sostanziali, altrimenti il Governo avrebbe impugnato la legge»