Agricoltura, montagna e parchi Consiglio Regionale News Simone Verni

Fanghi in agricoltura: mancano le linee guida della Regione per i Comuni

La Giunta regionale della Lombardia ha risposto a un’interrogazione del Consigliere regionale del M5S Lombardia Simone Verni sull’emissione delle linee guida per l’uso dei fanghi in agricoltura.

L’interrogazione chiedeva: “Se Regione Lombardia, intenda attuare quanto sancito dalla DCR X/1548 Mozione n. 811″Linee guida per i comuni per l’impiego dei fertilizzanti sui suoli, in particolare in merito allo spandimento dei fanghi di depurazione”, approvata all’unanimità dalle Commissioni VI “Ambiente e Protezione Civile” e VIII “Agricoltura, Foreste e Parchi” in sede deliberante il 27/6/2017 e predisporre, le linee guida finalizzate a fornire un supporto tecnico ai Comuni per l’adozione di un regolamento che  disciplini le modalità di utilizzazione agronomica dei fanghi di depurazione e dei gessi di defecazione affinché i criteri e le modalità siano omogenei su tutto il territorio lombardo”, per garantire una maggiore salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini.

La giunta ha dato una lunga risposta riassumendo per sommi capi la normativa vigente (nazionale e regionale) e l’attività fatta da Regione Lombardia comunicando di aver inviato all’ANCI, nel febbraio 2018 (Giunta Maroni), una sorta di circolare riepilogativa.

Per Verni: “La risposta è totalmente insoddisfacente. Non avevamo chiesto sette minuti di riassuntino di quello che aveva ha fatto la Giunta regionale fin qui. Abbiamo chiesto di dare applicazione a una mozione approvata dal Consiglio regionale. La Regione Lombardia non ha ancora emanato le linee guida per i Comuni ma si è limitata ad una circolare. Il tema delle linee guida oltre a dare un valido e concreto supporto ai Comuni e ad uniformare la gestione di fanghi in tutto il territorio lombardo, metterebbe al riparo i Comuni da errori e/o ricorsi al TAR e molti Comuni, spaventati da ciò, attendono l’emissione di tali linee guida. Non è chiaro il perché la Giunta non dia seguito alla Mozione se è per mancanza di volontà o per limitata capacità! La giunta deve attuare la mozione, non siamo in una bocciofila, ma in un’Assemblea eletta da oltre 10 milioni di cittadini e la Giunta applicare una mozione votata dal Consiglio regionale, perché non è un’opinione, né una richiesta di un favore!”.

Articoli Correlati

Da Regione No al rimborso abbonamenti Trenord per il mese di luglio. Di Marco: “Pendolari beffati dopo i disastri delle ultime settimane”

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Regione Lombardia boccia il salario minimo, Mammì: «Abbiamo dettato l’agenda sul reddito di cittadinanza, sul taglio dei vitalizi, sulle armi e sulle politiche energetiche. Il vecchio centrodestra si adeguerà anche al salario minimo»

Carolina Russo De Cerame