Marco Fumagalli Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Metro Monza: servono fatti, non chiacchiere

Sala in questi giorni è stato colpito dalla sindrome della sparata compulsiva. Dopo la polemica sulle chiusure domenicali ieri è intervenuto sul progetto di prolungamento della metro a Monza, chiedendo pubblicamente soldi al Governo.

Una cosa assurda, considerando che il Comune di Milano rischia addirittura di non partecipare al bando esistente! Infatti, a soli due mesi dalla scadenza del bando statale che potrebbe assicurare circa 700 milioni per prolungare la metropolitana milanese fino a Monza, entrambi i comuni sono ancora in alto mare e rischiano di non riuscire ad effettuare in tempo i necessari adempimenti.

Stupiscono poi le parole del Sindaco di Monza Allevi circa i ritardi nella realizzazione della metropolitana monzese. In un’intervista a un quotidiano il sindaco di Monza, infatti, oltre a dichiarare che “entro fine dicembre dovremo deliberare lo studio di fattibilità, passaggio fondamentale per chiedere il finanziamento”, insinua che il Ministero non sarebbe pronto a finanziare l’opera. Ma come può un Ministero finanziare un’infrastruttura se non è ancora disponibile neppure lo studio di fattibilità?

Il problema è che sulle metropolitane in Brianza la politica tradizionale dorme. Non è un mistero che le priorità della politica lombarda sono le autostrade. Com’è possibile che dopo decine di anni trascorsi a parlare di metropolitana a Monza non ci sia ancora lo studio di fattibilità.

La responsabilità è dei partiti che hanno governato fino ad oggi in Lombardia, a Milano e a Monza. Basti pensare che nemmeno lo studio di fattibilità per il prolungamento della Metropolitana fino a Vimercate potrà arrivare in tempo per la scadenza del 31 dicembre semplicemente perché il Comune di Milano ha pagato in ritardo la fattura a Metropolitana Milanese, che deve redigere il progetto.

Una mia mozione presentata a giugno per costituire un tavolo di lavoro per coordinare le attività sul prolungamento della M2, è stata inviata in Commissione regionale trasporti è finta in un cassetto sepolta dall’inerzia dei partiti storici. È per questo che ribadisco con forza che occorre avere una cabina di regia sui prolungamenti in Brianza in modo che le azioni siano coordinate e non debbano subire i ritardi dei singoli comuni e dell’inerzia della politica locale.

Marco Fumagalli, consigliere regionale del M5S Lombardia.

Articoli Correlati

Redazione Staff

Redazione Staff

“FOOD FOR PROFIT”, UN DOC SUGLI ANIMALI CHE RICHIAMA LE NOSTRE COSCIENZE

Redazione Staff