Consiglio Regionale News Monica Forte

Non chiamatela semplificazione, eliminate tutele per i cittadini

La legge di “semplificazione” approvata oggi in Consiglio Regionale è stata votata senza lo spirito di condivisione che invece aveva contraddistinto il lavoro nelle commissioni, come dimostrano i molti emendamenti e ordini del giorno bocciati presentati dalle opposizioni. All’atto pratico è mancata una vera volontà nello snellimento di atti amministrativi e procedure, basti pensare che l’agenda digitale regionale, lo strumento informatico che servirebbe a migliorare il sistema di prenotazioni delle visite, rimane all’anno zero. Quello chi si registra sono solo abrogazioni di parti di legge che si tradurranno in una diminuzione di attenzione su controlli e speculazioni. Snellire le procedure è utile e opportuno, ma non può tradursi in una diminuzione dei controlli e delle verifiche e in un abbassamento delle soglie di tutela.

Monica Forte – Portavoce Regionale M5S Lombardia e Presidente Commissione regionale Antimafia

 

Articoli Correlati

Da Regione No al rimborso abbonamenti Trenord per il mese di luglio. Di Marco: “Pendolari beffati dopo i disastri delle ultime settimane”

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Regione Lombardia boccia il salario minimo, Mammì: «Abbiamo dettato l’agenda sul reddito di cittadinanza, sul taglio dei vitalizi, sulle armi e sulle politiche energetiche. Il vecchio centrodestra si adeguerà anche al salario minimo»

Carolina Russo De Cerame