Home Lavoro Maugeri, a pagare non possono essere sempre e solo i lavoratori
Maugeri, a pagare non possono essere sempre e solo i lavoratori

Maugeri, a pagare non possono essere sempre e solo i lavoratori

0
3

Il M5S Lombardia ha fatto richiesta perché, con urgenza, siano auditi in Commissione regionale Attività produttive e Occupazione i sindacati e la dirigenza della Fondazione ICS Maugeri S.p.A. in seguito all’annuncio di 300 esuberi.
Simone Verni, consigliere regionali M5S Lombardia, dichiara: “È grave la situazione che si sta profilando dopo la decisione di Regione Lombardia di procedere, con la delibera del 18 marzo 2019, al recupero di 33 milioni di euro per le maggiori tariffarie corrisposte, in forma di acconto, dal 2012 al 2017.
Abbiamo già chiesto a Regione di aprire, con urgenza, un tavolo di confronto con la Direzione dell’Istituto e i rappresentanti sindacali, alla presenza dell’Assessore Regionale al Welfare Dr. Giulio Gallera, per poter analizzare i possibili sviluppi ed individuare soluzioni condivise per prevenire l’acuirsi della conflittualità sociale e garantire il mantenimento dei livelli occupazionali”.
“Non possiamo accettare che l’azienda, pur lamentando una situazione a loro avviso del tutto imprevedibile e non comprensibile nei criteri che hanno determinato il taglio dei finanziamenti, voglia di nuovo rivalersi sui lavoratori.
Già nel 2016 i lavoratori avevano pagato sulla loro pelle una situazione di crisi aziendale, tanto da decurtarsi parte del salario per una somma complessiva di 8 milioni di euro.
E’ di oggi la notizia di 29 indagati nell’inchiesta-bis a carico dell’azienda la cui “ipotesi di reato si basa sul rosso in bilancio provocato da consulenze fittizie e mazzette ai politici. A causare il fallimento fu proprio la distrazione di denaro attraverso società di comodo, consulenze fittizie e fittizi contratti di lavoro. Soldi che finivano ai politici della Regione”.
Non è più accettabile che a rimetterci debbano ancora essere i lavoratori”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali