Ambiente e Protezione Civile Como Notizie Raffaele Erba

Emergenza Idrica Lago di Como: “serve studio urgente dei fabbisogni”

Livello del Lago di Como basso ed emergenza idrica sempre più drammatica.

Se ne è discusso oggi in Regione Lombardia durante la Commissione Agricoltura. Alla riunione era presente Raffaele Erba (Movimento 5 Stelle) che non nasconde la sua preoccupazione per le ripercussioni causate dai cambiamenti climatici.

“Oggi ha riferito in Commissione Agricoltura l’assessore Fabio Rolfi sulla situazione dell’emergenza idrica – spiega il consigliere Erba – Insieme all’impiego, a monte del nostro lago, delle acque per la produzione di energia elettrica, il secondo fattore è l’uso irriguo a valle. Ad oggi i dati non sono rassicuranti sulle situazione delle riserve presenti. L’assessore Rolfi non aveva a disposizione dati aggiornati ma ci ha comunicato soltanto la situazione dei nevai sui vicini Monti Piemontesi che risultano ad un livello inferiore del 60% rispetto al 2017”.

Una situazione che desta apprensione perché il basso livello del Lago di Como sta creando ricadute negative su molti ambiti.

“Serve uno studio urgente sui fabbisogni per capire a quanto ammonta il deficit idrico che interesserà Regione Lombardia in modo da capire l’entità reale del problema e definire gli obiettivi al fine di un’adeguata pianificazione. È necessario comunque un maggior impegno negli investimenti per efficientare i sistemi irrigui: un passo è stato fatto ma dovrà essere sostenuto maggiormente”, il suggerimento di Raffaele Erba.

“L’acqua è una risorsa importantissima e non deve essere sprecata perché le gravi conseguenze sul nostro territorio sono evidenti. Il tema del cambiamento climatico sta diventando sempre prioritario”, conclude il consigliere del Movimento 5 Stelle.

Articoli Correlati

Superbonus: Governo appiattito su Agenda Draghi, Regione Lombardia non si pieghi

Redazione Staff

“Seduto sotto il portico” di Roberto Cenci

Carolina Russo De Cerame

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff