fbpx
Home Diritti e pari opportunità FatebeneFratelli – Basta Sfruttamento nella sanità
FatebeneFratelli – Basta Sfruttamento nella sanità

FatebeneFratelli – Basta Sfruttamento nella sanità

0
1
MoVimento 5 Stelle Lombardia a fianco dei lavoratori per portare le loro istanze nelle Istituzioni.
Basta sfruttamento nella sanità.
 

Questa mattina i Consiglieri regionali, componenti della Commissione Sanità del M5S Lombardia, Gregorio Mammì e Marco Fumagalli hanno portato la loro solidarietà ai lavoratori dell’USB Fatebenefratelli, da questa mattina sul tetto della struttura per protesta. I lavoratori chiedono di vedere l’Assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera e denunciano pessima gestione. Aggressioni nei confronti degli operatori del ps e imminenti licenziamenti.

Fumagalli e Mammì dichiarano: “Abbiamo sempre ascoltato le parti sociali perché sensibili ai loro problemi. Stiamo lavorando attivamente ad un’azione mirata per tutelare i lavoratori, il sistema sanitario regionale e i cittadini. In occasione dell’Assestamento del bilancio regionale depositeremo il risultato di questa collaborazione. I lavoratori della sanità sono alla stremo per la mala gestione e la disorganizzazione del sistema sanitario. E’ una protesta sacrosanta, i problemi della sanità lombarda sono molteplici a partire da precariato, sfruttamento dei lavoratori nel pubblico e eccessivo ricorso alla sanità privata. Devono essere messi nelle migliori condizioni lavorative per poter dare un buon servizio ai pazienti”.

“Da tempo lavoriamo a stretto contatto con le sigle sindacali degli operatori del settore sanitario. In occasione dell’Assestamento del bilancio regionale depositeremo il frutto di questa collaborazione”.

Per il M5S: “Disorganizzare la sanità pubblica per favorire i privati è un vecchio schema formigoniano. E’ proprio questa l’eccellenza lombarda? La politica sanitaria lombarda ha arricchito pochi e impoverito tanti lavoratori e malati. Basta con questo sistema di sfruttamento”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali