fbpx
Home Legalità e trasparenza Disservizi Treni: Gibelli dimettiti
Disservizi Treni: Gibelli dimettiti

Disservizi Treni: Gibelli dimettiti

0
0

🔴 SCANDALI E DISSERVIZI TRENI: ANDREA GIBELLI, DIMETTITI‼️

Ferrovie Nord Milano (proprietaria al 50% di Trenord): storie di scandali (tanti) e di servizi ai pendolari (pochi).
Ce ne parla il Simone Verni – Consigliere Regione Lombardia MoVimento 5 Stelle:

“La storia recente di Ferrovie Nord Milano, la holding di Regione Lombardia che possiede il 50% di Trenord, ci riporta alla memoria lo scandalo del Presidente Norberto Achille, condannato nell’ottobre 2017 a 2 anni e 8 mesi per peculato e truffa.
Dimessosi nel 2015 gli subentrò il leghista Andrea Gibelli che, alla carica di Presidente, aggiungeva la carica di DG e, non bastasse, una terza carica quale Presidente di FerrovieNord, una delle società operative di FNM.

‼️TOTALE: 288 MILA EURO DI STIPENDIO‼️

Nonostante gli scandali, nonostante la situazione drammatica in cui versa Trenord che sta rendendo la vita dei pendolari impossibile, il Presidente di FNM trova il tempo per rispondere con sarcasmo a chi, giustamente, lamenta i quotidiani disservizi e ritardi dei treni, rivolgendosi così: “Ha tempo di attendere i treni nuovi?” e ancora “ha una soluzione intelligente a cui noi non siamo ancora arrivati?”

Per l’appunto, a parte accumulare cariche, Gibelli una soluzione intelligente l’ha avuta subito a inizio mandato, visto che la prima cosa che ha fatto è stato marginalizzare Andrea Franzoso!

⭕️ CHI È ANDREA FRANZOSO? Colui che, contro tutto e tutti, ha messo a rischio la sua carriera professionale per denunciare il ladrocinio dell’ex presidente FNM Achille, cosa poi prontamente verificatasi.

Difficile pensare ad un futuro differente per i pendolari lombardi finché a capo delle aziende di trasporto ferroviario ci saranno gli “eletti” del centrodestra. Mi associo alla replica datagli nel post dai pendolari:<<una cosa sola dovrebbe fare di intelligente Gibelli: dimettersi>>.”

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali