Brescia Marco Fumagalli Notizie Sanità e Politiche Sociali Trasparenza

BILANCIO 2020 -2022: sanità e chiarezza, priorità nelle scelte politiche

⭐️LA LOMBARDIA SANA È QUELLA IN CUI LA SALUTE È LA PRIORITÀ NELLE SCELTE POLITICHE ⭐️

Il Consigliere Marco Fumagalli ha portato questo e tanti altri punti su cui lavorare nel BILANCIO LOMBARDIA 2020 – 2022

“La salute si difende anche con un ambiente più sano in cui vivere. Per questo chiedo fondi per poter finanziare i prolungamenti delle Metropolitane. Meno auto in circolazione e aria più respirabile. Il prolungamento della M2 è una priorità per chi vive nel Vimercatese, mentre la Pedemontana la trasformerà in un casello autostradale. Prima viene la salute dei cittadini e poi gli interessi della finanza. Per questo chiedo anche che si possano usare confezione di farmaci monodose. Per non sprecare risorse in medicine che verranno gettate nella spazzatura.”

Tra i vari punti presentati dal consigliere Fumagalli, è stato approvato l’emendamento con cui si attua la legge n. 131 del 2003 che prevede la nomina da parte del Consiglio Regionale di un componente della sezione di controllo della Corte dei Conti della Lombardia.

Fumagalli spiega:
“Questo provvedimento rappresenta un elemento di novità rispetto ad una politica poco attenta ai temi dei controlli.

Si potrà avere un ulteriore magistrato che potrà verificare i conti degli enti locali e rispondere ai quesiti che spesso vengono sottoposti alla Corte in modo preventivo.
Quello che mi stupisce non è l‘approvazione del provvedimento, ma perché non era stato proposto prima da nessuno. Evidentemente la tendenza non era quella di controllare e supportare gli enti nella corretta azione amministrativa, ma di chiudere la stalla quando i buoi sono scappati.”

Articoli Correlati

#SaliAbordo: il M5S Lombardia incontra i territori

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

In Commissione Sanità le modifiche alla riforma Moratti, Fumagalli: «Correzioni sostanziali, altrimenti il Governo avrebbe impugnato la legge»