Marco Fumagalli Notizie Sanità e Politiche Sociali

Ospedale Luino: serve una strategia

? OSPEDALE LUINO: SERVE UNA STRATEGIA
 
È stata depositata un’interrogazione per chiedere:
 
‼️ Quando previsto il ripristino del tetto dell’ospedale.
‼️ Quando e se si è intenzionati ad assumere infermieri
‼️ In che modo il nosocomio si inserisce nel percorso di riordino dei PREEST e dei POT.
 
Firmatario dell’interrogazione il Consigliere Marco Fumagalli M5S Lombardia che spiega:
“In questo periodo sono impegnato a monitorare la situazione di alcune strutture ospedaliere della provincia di Varese. In relazione al’ospedale di Luino ho interrogato la Giunta regionale per capire le tempistiche per la realizzazione degli interventi annunciati.
 
In particolare per il rifacimento del tetto, la ristrutturazione e il nuovo impiego per il quinto piano e la risoluzione delle criticità concernenti la neuropsichiatria infantile, si desiderano conoscere quali siano le tempistiche e le modalità di intervento.
 
L’occasione è utile anche per capire quale sia l’intenzione di Regione Lombardia in merito alla definizione degli standard di assistenza necessari in relazione ai determinati ambiti territoriali.
Riguardo all’Ospedale di Luino, ad esempio, ci chiediamo quale dotazione minima debba avere per essere qualificato come POT (Presidio Ospedaliero Territoriale), se occorra attivare qualche altro servizio, quale sia la complessiva programmazione della regione per la sanità di questo territorio e se è prevista l’attivazione di un PRESST (Presidio Socio Sanitario Territoriale).
Lascia davvero perplessi ritrovare disordinate dichiarazioni e iniziative che fanno ravvisare un taglio estemporaneo anziché una ben definita e più ampia strategia”.

Articoli Correlati

Flash-Mob: “I giovani” non si fanno più fregare. Una canzone-denuncia contro il precariato

Carolina Russo De Cerame

Liste d’attesa, Mammì: «Il rispetto dei tempi d’attesa non può essere un regalo di Natale»

Redazione Staff

Degli Angeli: «All’ospedale di Lodi mancano garze e medicinali, sono gli effetti della (non)riforma Moratti-Fontana»