Consiglio Regionale News Legalità e trasparenza Marco Degli Angeli

Prescrizione: centro destra vuole una Repubblica dell’illegalità

? PRESCRIZIONE: CENTRO DESTRA VUOLE UNA REPUBBLICA DELL’ILLEGALITÀ.

Ieri durante il Consiglio Regionale si è discusso dello Stop alla prescrizione fortemente voluto dal Ministro Alfonso Bonafede e sostenuto da tutto il MoVimento 5 Stelle.

Ce ne parla il Consigliere Marco Degli Angeli intervenuto in aula a tale proposito:
“Tutto il centrodestra, con il supporto di Italia Viva e affini, hanno definito lo “Stop Prescrizione” come una “BARBARIE UMANA”.
Hanno insultato un giornalista come Marco Travaglio ed un Giornale (che non riceve finanziamenti) come il Il Fatto Quotidiano. Sono arrivati addirittura a chiedere le dimissioni del Ministro Bonafede.

Hanno insultato Piercamillo Davigo e magistrati come Nicola Gratteri e Nino Di Matteo, simboli della lotta alla mafia.
Hanno insultato tutti noi del MoVimento, ma a quello siamo abituati.

Tutto questo perché vogliono una Repubblica dell’illegalità, dell’impunità e dei privilegi. Loro difendono la Giustizia forte con i deboli e debole con i forti.
Noi siamo dalla parte di tutti i cittadini, che a causa della prescrizione non hanno avuto completa giustizia. Siamo con le vittime dell’amianto, della ThyssenKrup, di Porto Marghera, dell’Ilva.
Non provano vergogna e si nascondono dietro alla frase “fine processo mai”.
Per i partiti dell’impunità lo Slogan più adatto è “Giustizia Mai”.
Ieri, con il voto in aula, abbiamo avuto l’ennesima prova. Forza Italia, Lega, Fratelli D’Italia, Italia Viva hanno nomi diversi ma sono la stessa cosa.”

Qui l’intervento del consigliere: VIDEO MARCO DEGLI ANGELI

Articoli Correlati

Superbonus: Governo appiattito su Agenda Draghi, Regione Lombardia non si pieghi

Redazione Staff

Simone Verni: «Regione Lombardia chiude la porta a 30mila pendolari. Noi subito disponibili a tavolo di confronto»

Carolina Russo De Cerame

Degli Angeli: «All’ospedale di Lodi mancano garze e medicinali, sono gli effetti della (non)riforma Moratti-Fontana»