Home Consiglio Regionale News M5S IN AULA CON I CAMICI – MAGGIORANZA INFANGA SIMBOLO DELLA LOTTA AL COVID
M5S IN AULA CON I CAMICI – MAGGIORANZA INFANGA SIMBOLO DELLA LOTTA AL COVID

M5S IN AULA CON I CAMICI – MAGGIORANZA INFANGA SIMBOLO DELLA LOTTA AL COVID

0
2

🔴 M5S LOMBARDIA IN AULA CON I CAMICI – CENTRO DESTRA HA INFANGATO IL SIMBOLO DELLA LOTTA AL COVID!

I consiglieri del MoVimento 5 Stelle Lombardia si sono presentati questa mattina in aula consiliare con alcuni camici, per richiamare l’attenzione sull’inchiesta sulla fornitura di camici e altri dispositivi di protezione per oltre mezzo milione di euro da parte di Dama Spa, l’azienda di cui è titolare Andrea Dini, il cognato e proprietaria del 10 per cento della quote la moglie del governatore Attilio Fontana.

Il consigliere e capo gruppo Massimo De Rosa ha dichiarato:
“I camici sono il simbolo del sacrificio, del coraggio e della generosità di migliaia di medici, infermieri e del personale sanitario tutto che ha lottato in prima linea contro Coronavirus, salvando vite umane e alleviando le sofferenze di chi purtroppo è venuto a mancare.

Da una parte la Lombardia che ha lavorato, che ha fatto tutto il possibile per il bene dei malati e per la comunità, dall’altra chi avrebbe invece avuto il dovere di gestire l’emergenza ma, stando a quanto sembrerebbe emergere dalle notizie che filtrano in questi giorni, era intento a pensare a tutt’altro.

Fontana e la sua giunta devono riferire e chiarire ogni aspetto in aula, davanti a consiglieri e cittadini, anche sulla base della richiesta formale presentata oggi in aula dal M5S.

‼️FONTANA CI DICA SE È IN GRADO DI ANDARE AVANTI, GARANTENDO ALLA LOMBARDIA IL GOVERNO CHE MERITA.

‼️FONTANA CHIARISCA SE IL SUO ASSESSORE AL WELFARE HA ANCORA LA SUA FIDUCIA O MENO.

‼️CHIEDIAMO, INOLTRE, CHE I VERTICI DELLA CENTRALE ACQUISTI REGIONALE ARIA VENGANO IN COMMISSIONE A RIFERIRE.

La nostra protesta vuole sottolineare ancora una volta lo stato d’animo dei cittadini lombardi che faticosamente stanno provando a ripartire, a riaprire il proprio negozio, a tornare al proprio lavoro e alla proprie abitudini.
Cittadini stanchi dell’ennesimo teatrino indegno di questa amministrazione capace solo a rinnegare i propri errori, errori che oggi sono al centro della Magistratura. Magistratura alla quale va il nostro incondizionato sostegno e alla quale spetta il dovere di andare fino in fondo”.

  1. consiglio de rosa


Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali