Home Dario Violi In viaggio con Maroni: 60 km di deserto. Video inchiesta sulla Bre.Be.Mi
In viaggio con Maroni: 60 km di deserto. Video inchiesta sulla Bre.Be.Mi

In viaggio con Maroni: 60 km di deserto. Video inchiesta sulla Bre.Be.Mi

0
15

 

Post-Maroni-pulito“No a duecento chilometri di nuove autostrade vuote, la crescita non si nutre di asfalto”, così Giampietro Maccabiani, portavoce di M5S Lombardia risponde al presidente della regione Roberto Maroni che, non appena acquisite le quote detenute dalla Provincia di Milano in Asam, ha dichiarato: “Mancano 200 chilometri di autostrade e strade veloci in Lombardia e oggi si apre una fase nuova. Occorre potenziare la rete per accelerare i trasferimenti”.

Il Movimento 5 Stelle ha diffuso un documento filmato nel pomeriggio di ieri che mostra, a oltre un mese dall’apertura della Brebemi, come si presenta l’autostrada definita dallo stesso Maroni all’inaugurazione “uno straordinario esempio di successo”.

“E’ un deserto, alle quindici di ieri 2 settembre abbiamo percorso i sessanta chilometri di autostrada incrociando meno di una decina di auto. Al ritorno abbiamo imboccato la A4 che presentava un traffico sostenuto ma regolare”, spiega il consigliere regionale di M5S Dario Violi nel video intitolato “In viaggio con Maroni”.  “Brebemi  – continua Violi – offre esattamente idea della portata del fallimento delle strategie di progettualità viabilistica della tanto decantata efficienza lombarda. La costosa infrastruttura è oggi un monumento al consumo di suolo e allo sperpero di risorse pubbliche, l’opera è infatti stata defiscalizzata”.

Per Maccabiani: “Ancora una volta il presidente di Regione Lombardia mostra i sintomi dell’‘annuncite’ acuta di cui soffre. La Lombardia non ha evidentemente bisogno di altri duecento chilometri di strade veloci deserte ma di un piano realistico ed ecologico di potenziamento della viabilità attento al trasporto pubblico e alla mobilità di merci su rotaia. Va al contempo tutelato l’esistente: le strade comunali e provinciali sono un colabrodo. Maroni, che ancora una volta preferisce annunciare nuove e pericolose speculazioni, pensi piuttosto a finanziare interventi di manutenzione costante”.