fbpx
Home Andrea Fiasconaro In Lombardia la scuola deve essere realmente pubblica

In Lombardia la scuola deve essere realmente pubblica

0
2

Domani gli studenti italiani scenderanno in piazza contro un’idea di scuola che non li rappresenta e che il governo sta imponendo loro, una riforma fantasma che di condiviso non ha nulla e che suona come un ceffone in faccia a studenti e insegnanti precari. Il modello di scuola proposto da Renzi è distante anni luce anche dai valori e dai principi del Movimento 5 Stelle, che da sempre porta avanti un’idea di scuola realmente inclusiva e aperta a tutti, una scuola pubblica e meritocratica.

Apprezziamo le proposte che l’Unione degli studenti ha messo in campo per una riforma del settore dell’istruzione alternativa a quella del governo, molte di queste sono vicine a quelle che anche il M5S ha elaborato e su cui è utile e prezioso un confronto il più ampio possibile. Condividiamo pienamente la mobilitazione degli studenti e domani molti di noi saranno accanto a loro nei cortei che si terranno nelle varie città italiane” Lo affermano i parlamentari M5S delle Commissioni Cultura di Camera e Senato.

Condividiamo le parole dei nostri portavoce a Roma e poniamo l’accento, ancora una volta, sull’importanza della battaglia per una scuola  realmente pubblica in Lombardia. Anche quest’anno in regione non è previsto nessun aiuto ai ragazzi  che frequentano gli ultimi tre anni delle superiori, a meno che non raggiungano risultati eccellenti, giusto per essere coerenti con la lotta alla dispersione scolastica. Non c’è nessuna giustificazione assennata per l’incostituzionale disparità di trattamento delle erogazioni economiche a coloro che frequentano una scuola paritaria (per la maggior parte private) rispetto a coloro che frequentano una scuola statale, pur a fronte della medesima necessità e della medesima situazione di bisogno economico.

Andrea Fiasconaro – Capogruppo di M5S Lombardia

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali