Home Ambiente e Protezione Civile Montichiari (Brescia) caso studio per la limitazione del numero di discariche

Montichiari (Brescia) caso studio per la limitazione del numero di discariche

0
1

Oggi il consiglio regionale ha discusso e approvato all’unanimità una mozione depositata dal portavoce del Movimento 5 Stelle Giampietro Maccabiani volta ad impegnare la Giunta Regionale a considerare Montichiari un caso-studio per l’individuazione di indici di pressione cumulativi.

E una prosecuzione ed approfondimento della mozione numero 19 approvata in luglio, nella quale si chiedeva l’introduzione di nuovi criteri tecnici e quantitativi per la definizione di aree sature, citando proprio Montichiari, ma, discutibilmente, senza citare la sperimentazione in corso che utilizza una piattaforma premiata da Google alle Olimpiadi dello Start-up di Londra 2012 come uno dei 100 migliori progetti nel mondo: la piattaforma Q-Cumber.

La mozione del MoVimento 5 Stelle quindi va oltre la mozione di Parolini (PDL) dando un indirizzo alla Giunta per definire quei criteri che anche nella proposta di PRGR attuale sono lacunosi.

Movimento 5 Stelle rispedisce al mittente le accuse di “plagio”, evidentemente da chi non ha letto le due mozioni o non ha colto il differente obiettivo: la prima individuare criteri tecnici e quantitativi per la definizione di aree sature, la seconda, cioè la nostra, considerare la piattaforma Q-Cumber e la sperimentazione di Montichiari, assente nella prima, come una base per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali