Home Legalità e trasparenza DeVitalizziamoli. Stop ai vitalizi d’oro della casta in Lombardia
DeVitalizziamoli. Stop ai vitalizi d’oro della casta in Lombardia

DeVitalizziamoli. Stop ai vitalizi d’oro della casta in Lombardia

0
0

devitalizio“Maxirendite per 221 ex consiglieri regionali lombardi ottenuti grazie a versamenti irrisori: in qualche caso un contributo di 27mila euro ne ha fruttati 492mila 395. Il record: 6mila 300 euro al mese percepiti dal 2005”. La denuncia del Movimento 5 Stelle, ripresa dalla stampa, ha sollevato un polverone in Lombardia.
Ben 221 ex consiglieri di tutti i partiti transitati in regione, in cambio di contributi spesso irrisori versati si è garantita vitalizi d’oro. Si parla di persone che fino alla scorsa legislatura hanno potuto maturare la pensione anche solo dopo due anni e mezzo di carica, per prenderla raggiunti i sessant’anni di età. Una pensione alla quale si aggiunge il vitalizio mensile che costa alle casse regionali ogni mese 620mila 412,36 euro. Se la matematica non è una opinione ogni anno la Lombardia versa quasi 7 milioni e mezzo di euro di vitalizi. La casta è interamente coinvolta in questo sperpero di denaro pubblico che va a ingrassare ex politici che hanno amministrato il Paese gettandolo nel baratro.
Quella di Movimento 5 Stelle Lombardia non è una caccia alle streghe, il Movimento non ha chiesto infatti i nomi degli ex consiglieri coinvolti, ma è la denuncia di un sistema che autoalimenta se stesso creando intollerabili privilegi che le casse pubbliche non possono sostenere.
Il Movimento 5 Stelle Lombardia si muoverà, come da mandato elettorale, oltre che per la piena trasparenza dell’amministrazione, per l’eliminazione di tutti gli indecenti privilegi che i partiti si sono assegnati.

devitalizio

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali