Home Gianmarco Corbetta M5S Lombardia scrive a ANAS: troppi disasgi per i residenti di Viale Lombardia dove emerge il tunnel della statale 36

M5S Lombardia scrive a ANAS: troppi disasgi per i residenti di Viale Lombardia dove emerge il tunnel della statale 36

0
0

Gianmarco Corbetta, Consigliere regionale del M5S, ha inviato una lettera al Presidente dell’ANAS S.p.A. Pietro Ciucci. Nella missiva, sottoscritta anche da Massimo De Rosa, Vice Presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati e Gianmarco Novi, Consigliere Comunale di Monza, Corbetta porta all’attenzione dei vertici del gestore della rete stradale ed autostradale italiana i disagi dei cittadini di Monza residenti nel quartiere del tratto sud di Viale Lombardia dove emerge il tunnel della statale 36.

Nella lettera si legge: “portiamo alla sua attenzione quanto sta accadendo a Monza in seguito alla creazione di un ‘controviale’ nel tratto sud di Viale Lombardia, là dove emerge il tunnel viabilistico di recente realizzazione.L’opera di parziale interramento della statale 36 è stata ampiamente condivisa e apprezzata dalla popolazione locale, ma altrettanto non si può dire della creazione del controviale sopracitato”. “Il problema”, spiega Corbetta,  “è che, là dove emerge il tunnel viabilistico realizzato per interrare la statale 36, è stato creato un ghetto perché il controviale è talmente stretto da risultare invivibile per gli abitanti della zona”.

Per il portavoce del Movimento 5 Stelle, “gli enti direttamente coinvolti, vale a dire Comune, ANAS S.p.A. e Salini Impregilo S.p.A., hanno agito senza tenere in considerazione le istanze dei cittadini e senza vagliare soluzioni alternative che potessero ottenere una più ampia condivisione. L’esigua larghezza del controviale infatti impedisce il transito del trasporto pubblico locale, rende impossibile la sosta e il parcheggio, penalizzando le attività commerciali e mettendo a rischio l’incolumità dei passanti per via delle auto parcheggiate abusivamente”.

“I cittadini, dopo due esposti al Comune rimasti inascoltati, hanno proposto un progetto alternativo che permetterebbe di allargare il controviale senza compromettere la viabilità della statale. Spero che l’ANAS valuti attentamente la soluzione proposta anche perché non risulterebbe particolarmente onerosa in termini economici”, conclude il consigliere regionale.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali