Home Paola Macchi Fecondazione Eterologa. Forzature della Giunta regionale: ne discuta il Consiglio

Fecondazione Eterologa. Forzature della Giunta regionale: ne discuta il Consiglio

0
0

eterologaSui quotidiani di oggi abbiamo potuto leggere un commento del professor Umberto Omodei direttore del centro di procreazione medicalmente assistita degli ospedali civili di Brescia che ribadisce quello che il Movimento Cinque Stelle Lombardia aveva già posto all’attenzione del Consiglio regionale con una mozione presentata martedì scorso.

Se non verrà previsto il rimborso totale delle spese sostenute dalle donatrici per la stimolazione di produzione di ovociti probabilmente ci troveremo, come afferma anche Omodei a non avere abbastanza ovociti per accontentare le richieste per l’eterologa femminile.

Il costo per questa stimolazione è alto , ammonta a circa 2500 euro. Il rischio è che, qualora l’eterologa fosse inserita nei Lea, come noi auspichiamo , che le coppie siano costrette a rivolgersi a centri esteri dove le leggi sono diverse e quindi dove le liste d’attesa non sono lunghe come potrebbero essere in Italia a causa di questo problema.

Nella mozione  chiedevamo anche che fosse permesso a tutti i cittadini che ne facessero richiesta, indipendentemente dalle possibilità economiche, di accedere alla fecondazione eterologa.

La mozione del M5S Lombardia non è stata discussa perché la seduta dell’aula è stata interrotta e non è dato sapere se e quando il tema sarà oggetto di doveroso approfondimento. Da questo punto di vista la delibera ciellina della Giunta che ha stabilito regole restrittive  e ostacoli per la fecondazione eterologa in Lombardia è una forzatura perché assunta senza un parere dell’assemblea regionale, organo di democrazia diretta.

Paola Macchi, portavoce consigliere alla regione Lombardia MoVimento 5stelle Lombardia

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali