Home Expo Expo: Cantone, non c’e’ alcun sistema sicuro contro corruzione

Expo: Cantone, non c’e’ alcun sistema sicuro contro corruzione

0
0

“Controlli rendono difficile corruzione, non so se impediscono”, “Il contrasto preventivo alla corruzione e’ molto più complicato del contrasto alle mafie. Non esiste alcun sistema preventivo sicuro per la corruzione: a volte appalti perfetti celano fenomeni di corruzione. Non ho nessuna sicurezza che i nostri controlli impediscano la corruzione, la rendono sicuramente piu’ difficile”. Lo ha detto il presidente dell’autorita’ nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone in audizione davanti alla Commissione Antimafia.

Ha ragione Cantone, ciò che conta è l’onestà, intesa come un valore fondante della persona. Certo, aiuterebbero buone leggi contro la corruzione, come da sempre richiesto dai nostri parlamentari. Così come avrebbe aiutato se i governi, di dx e sx, non fossero stati indaffarati a legiferare per proteggere i loro poteri e per costruire un sistema funzionale alla corruzione. Così come aiuterebbe avere una classe dirigente, politica, imprenditoriale, accademica, etc, che sia da esempio.

Già ad ottobre 2013 Rognoni in antimafia ci aveva provato a vendere ILspa come il luogo dell’efficienza lombarda nella gestione degli appalti e che già lì, solo noi del M5S, nel silenzio assordante degli altri partiti, abbiamo evidenziato che le anomalie negli appalti e la corruzione non si intravede in appalti molto spesso perfetti!

Ma si sa, il ripristino di un minimo di onesta, in una cultura italiana da decenni fondata sui furbi e sui disonesti, è un processo a lungo termine. È importante seminare bene oggi per raccogliere i frutti che verranno. È per questo che lanciamo un urlo di richiamo a tutti coloro che mirano a regalare ciò che più serve alla nostra Italia: denunciate, segnalate, non abbiate timore, siate testimoni di giustizia, l’aria che tira attualmente è diversa e può essere il momento migliore per seminare!

Noi ci siamo!

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali