Home Lecco Ospedale Manzoni di Lecco: da intercettazioni emergono criticità

Ospedale Manzoni di Lecco: da intercettazioni emergono criticità

0
0

Questa mattina l’Assessore alla Sanità Mario Mantovani ha risposto a un’interrogazione del Movimento 5 Stelle Lombardia su indagini relative alla gestione dell’Ospedale di Lecco.

Diverse le criticità rilevate dal Movimento 5 Stelle della Lombardia: da un lato, l’inchiesta “Echantochiri” di questa primavera che ha coinvolto l’ex direttore generale dell’ospedale Mauro Lovisari con l’accusa di turbativa d’asta e che ha portato al commissariamento dell’ospedale. Dall’altro l’inchiesta antimafia “Metastasi” della Guardia di Finanza per il triennio 2009-2011 che coinvolge l’odontotecnico Sorrentino legato all’ospedale di Lecco ed ex consigliere comunale della Lega a Lecco, l’ex capogruppo regionale della Lega Nord Stefano Galli e il responsabile della attività amministrative e territoriali dell’Ospedale di Lecco, sig. Cusumano.

Sui fatti citati l’ospedale di Lecco il 2 ottobre 2014 ha aperto una verifica interna.

L’interrogazione chiede a Mantovani se la Regione Lombardia è a conoscenza di queste criticità, se la verifica interna è confermata, chi la effettua e quali sono i tempi e le modalità delle verifica.

L’Assessore ha dichiarato che al momento non c’è nessuna comunicazione ufficiale dall’autorità giudiziaria e che sulla base dell’esame sui procedimenti amministrativi non sono emerse irregolarità procedurali. Che l’inchiesta è stata condotta dal direttore amministrativo e dal manager antimafia e che è già terminata.

 

Silvana Carcano, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Lombardia, dichiara: “L’Assessore ha raccolto una cronologia delle procedure che, come spesso accade, soprattutto quando si tratta di appalti, sono corrette. Le intercettazioni della guardia di finanza svelano però l’utilizzo che fa la politica degli ospedali lombardi. Invito chi di dovere a tenere sotto controllo quanto sta accadendo all’Ospedale di Lecco. Ci riserviamo di leggere i risultati della brevissima inchiesta e ci auguriamo che si siano considerate le indicazioni che si trovano nei documenti della guardia di finanza”.

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali