Home Legalità e trasparenza Inchiesta su Fondazione Fiera, chiarire la posizione del Presidente

Inchiesta su Fondazione Fiera, chiarire la posizione del Presidente

0
0

Nei giorni scorsi sono apparsi numerosi articoli di stampa dai quali emerge un’indagine giudiziaria della Procura della Repubblica di Milano, per ora a carico di ignoti, su di un appalto da 25 milioni di euro per la manutenzione dell’intero quartiere fieristico contiguo al sito che dal primo maggio ospiterà l’Esposizione universale. L’indagine riguarderebbe un fatto corruttivo che ha interessato una gara d’appalto che parrebbe coinvolgere persone e società correlate al Presidente di Fondazione Fiera Benito Benedini designato dalla Giunta Regionale nel luglio 2013 su indicazione del Presidente Roberto Maroni. Il M5S ha depositato un’interrogazione per fare chiarezza sulla vicenda.

Silvana Carcano, consigliere regionale del M5S Lombardia, spiega: “Si parla di un’indagine su un accordo da 600 mila euro che Manutencoop Facility Management avrebbe siglato con la House Tech srl per attività di consulenza, società che parrebbe legata alla famiglia del presidente Benedini. Sono sempre coincidenze, per carità, ma il Presidente di Manutencoop Facility Management è Claudio Levorato, coinvolto nell’indagine chiamata “cupola degli appalti” e componente anche del CdA di Unipol e di Consorzio Cooperative Costruzioni (Ccc), cooperativa coinvolta nell’inchiesta sul cosiddetto sistema Sesto.

Con l’interrogazione chiediamo se la Regione intende attivare un’indagine ispettiva sulla Fondazione Fiera Milano per verificare se esistono anomalie gestionali e amministrative e quali azioni ritiene di dover mettere in atto per esercitare i compiti di vigilanza attribuiti dalla legge alla Regione Lombardia.

Infine, considerato che Fiera Milano spa deve rinnovare i propri organi nella primavera di quest’anno e che Fondazione Fiera è l’azionista di maggioranza, vogliamo capire se la Giunta vuole evitare che Benito Benedini possa assumere decisioni che vadano a incidere sugli organi in carica della controllata e per evitare che possano scegliere i nuovi organi prima della conclusione delle indagini”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali