Iolanda Nanni Territorio, trasporti e infrastrutture

Case popolari: ingresso in graduatoria dei coniugi separati è solo “captatio benevolentiae” da campagna elettorale.

“È la classica “captatio benevolentiae” da campagna elettorale. A cosa serve inserire i genitori separati con figli minori nella graduatoria di assegnazione delle case popolari quando si sa benissimo che non ci sono case disponibili per colpa di una governance inadeguata, della mala gestione e dell’assenza di controlli? Bisogna operare urgentemente sulle cause, non sugli effetti per estirpare la cancrena che avvolge tutto il sistema di gestione delle case popolari a Milano e hinterland”. Così Iolanda Nanni, Consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle in Lombardia, commenta l’annuncio odierno dell’Assessore Maria Cristina Cantù.

“Inoltre  – conclude la portavoce M5S –  la bagarre di questi giorni fra Regione e Comune di Milano sulle assegnazioni in deroga delle case popolari è uno spettacolo avvilente e disarmante. In questo clima le famiglie più fragili, a cui sono destinate le assegnazioni, continuano a subire sulla propria pelle l’incapacità e l’inettitudine delle Istituzioni nella gestione delle case popolari.”

Iolanda Nanni – Consigliere Regionale M5S Lombardia.

Articoli Correlati

Riforma Parco Agricolo Sud Milano: firma anche tu per fermare lo scippo del centrodestra lombardo

Di Marco: «Il Superbonus 110% traina la ripresa in Lombardia con 21 mila cantieri e 4 miliardi di investimenti»

PENDOLARIA 2022: il Trasporto Pubblico Locale lombardo cresce a rilento, siamo ancora troppo distanti dagli standard europei

Carolina Russo De Cerame