Home Gianmarco Corbetta Monza: Stocco deve dimettersi. Assurda difesa d’ufficio dell’Assessore Mantovani
Monza: Stocco deve dimettersi. Assurda difesa d’ufficio dell’Assessore Mantovani

Monza: Stocco deve dimettersi. Assurda difesa d’ufficio dell’Assessore Mantovani

0
0

L’Assessore regionale alla Sanità Mario Mantovani ha risposto a un’interpellanza del Movimento 5 Stelle della Lombardia sui motivi della mancata rescissione del contratto del Direttore Generale dell’Asl di Monza e Brianza Matteo Stocco.

Stocco è stato oggetto di segnalazioni alla Corte dei Conti per “illegittimità gestionali” da parte del Collegio sindacale dell’ASL che avrebbero dovuto portare alla rescissione del contratto, come stabilito dalle deliberazioni regionali in materia.

Il M5S voleva capire come mai la Giunta non ha rescisso il contratto di Stocco. Il collegio sindacale dell’ASL ha inviato alla Corte dei Conti ben due note di segnalazione di “illegittimità gestionali” e “gravi carenze di gestione” a carico del direttore generale. Tra le contestazioni, per esempio, l’illegittima corresponsione di compensi e l’attribuzione di incarico in mancanza dei requisiti.

“La risposta dell’Assessore – spiega Gianmarco Corbetta, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle della Lombardia – è stata totalmente insufficiente tanto da risultare una difesa d’ufficio di Stocco. Il direttore sanitario avrebbe dovuto essere immediatamente sollevato dal suo incarico dopo le segnalazioni del collegio sindacale. Francamente non comprendiamo come mai l’Assessore lombardo alla Sanità Mario Mantovani difenda acriticamente sia i dirigenti inquisiti che quelli che operano in maniera illegittima. La gestione della pubblica amministrazione ha bisogno di uomini e donne capaci e al di sopra di ogni sospetto. Da questo punto di vista non ci sarà mai una vera riforma sanitaria senza il pieno rispetto delle regole e un’opera di repulisti generale dei personaggi legati a doppia mandata alla politica”.

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali