Home Dario Violi Commercio equo e solidale: bene la legge ma che incoerenza dai partiti dell’Expo.
Commercio equo e solidale: bene la legge ma che incoerenza dai partiti dell’Expo.

Commercio equo e solidale: bene la legge ma che incoerenza dai partiti dell’Expo.

0
0

C’è soddisfazione tra le fila del Movimento 5 Stelle della Lombardia per il progetto di legge in favore del riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale votato stamattina in all’unanimità dall’aula.

“Una soddisfazione doppia per il Movimento 5 Stelle, cofirmatario dell’iniziativa consiliare  – dichiara il portavoce Stefano Buffagni – perché il provvedimento nasce da una raccolta firme dei cittadini al di fuori dalle istituzioni. Evidentemente il modus operandi del nostro movimento, che sta riavvicinando le persone alla politica, sta diventando un modello di riferimento. Ci auguriamo che anche altre iniziative che provengono dal “mondo reale” possano essere prese in considerazione e non lasciate nel cassetto ad ammuffire, come sta accadendo a Roma con il provvedimento per la richiesta di un “Parlamento Pulito” e l’abolizione della legge Gasparri già in agenda”.

Non manca però una visione critica d’insieme. “Ancora una volta i consiglieri di questo Consiglio dimostrano tutta la loro incoerenza nell’attività legislativa, – prosegue il Capogruppo M5S Dario Violi in merito al provvedimento – con la mano sinistra vogliono promuovere il commercio equo e solidale, quindi basato su sostenibilità e filiera corta, quando con la mano destra hanno sostenuto partner commerciali di Expo che nulla hanno a che vedere con il tema della manifestazione “Nutrire il pianeta”. Siamo soddisfatti per questo provvedimento perché raccoglie uno dei punti cardine del nostro movimento, purtroppo, grazie all’incoerenza di partiti, questo principio non sarà una priorità per la manifestazione universale ormai alle porte” –  conclude Dario Violi.

Dario Violi e Stefano Buffagni – Consiglieri Regionali M5S Lombardia

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali