Home Expo Expo, osceno l’elogio di Pizzi ad Acerbo

Expo, osceno l’elogio di Pizzi ad Acerbo

0
0

Emilio Pizzi, docente del Politecnico e quality controller di Padiglione Italia di Expo 2015 ha ringraziato, con una lettera, geometri, ingegneri e operai per aver terminato i lavori di Palazzo Italia. Pizzi ha espresso (vedi sotto) anche un attestato di stima ad Antonio Acerbo, l’ex sub commissario per le opere di Expo accusato di aver pilotato l’assegnazione dell’appalto per le Vie d’acqua che ha patteggiato a tre anni di reclusione e a un risarcimento di 100mila euro da versare nelle casse della società, per aver costruito una squadra “straordinaria” alla direzione dei lavori.

Per Silvana Carano, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Lombardia, “L’attestato di stima ad Acerbo è osceno: è un insulto per tutti i manager che costruiscono squadre straordinarie senza pilotare appalti e corrompere. Come può Pizzi esprimere stima per chi si è macchiato di reati così gravi?

O è ingenuo, e non si rende conto che nel paese più corrotto d’Europa i messaggi culturali devono rivolgere stima a chi agisce nella legalità, oppure, tollera e ammira un  sistema che considera una medaglia all’onore la corruzione, la sottrazione di risorse pubbliche per far crescere i costi delle grandi opere e i favori agli amici. Acerbo ha la patente di ignominia come tutti i corruttori e gli speculatori di Expo e Pizzi dovrebbe vergognarsi per le sue parole. Ci aspettiamo che il Commissario di Padiglione Italia, la dottoressa Bracco, corregga quanto dichiarato dal professor Pizzi”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali