Ambiente e Protezione Civile Cultura e sport Diritti e pari opportunità Expo Lavoro, istruzione e formazione Silvana Carcano

Carta di Milano, la logica di Expo è distante dalla sostenibilità alimentare

Carta-MilanoOggi è stata presentata la ‘Carta di Milano’, il documento costruito a partire dallo slogan di Expo, “Nutrire il pianeta energia per la vita”, che dovrebbe affrontare il tema del diritto al cibo garantito e la cancellazione delle disuguaglianze e del dramma della fame nel mondo.

Per Silvana Carcano, consigliere del Movimento 5 Stelle della Lombardia: “I temi trattati sono di rilevanza mondiale e sono emerse molte idee positive, ma la carta rischia di restare la solita imponente dichiarazione d’intenti retorica, senza trasformarsi in iniziative politiche concrete. Il peccato originale della carta sta proprio nel fatto che è stata promossa da Expo, che gestisce il tema del diritto al cibo, non solo con esperti, ma anche e soprattutto con imprese commerciali che fanno profitto sul cibo”.

“Non si può promuovere il diritto all’alimentazione  – continua Carcano – a fianco di Mc Donald’s, Coca Cola, Nestlé e Monsanto  che nulla hanno a che vedere con i principi di sovranità alimentare, biodiversità e filiera corta  che esprime la ‘Carta di Milano’. Per nutrire la popolazione bisogna interrompere il circolo vizioso creato dalle multinazionali che piegano il diritto al cibo alle logiche di mercato e di profitto.”.

“Molti politici si sono affrettati a sostenere che la ‘Carta di Milano’ sarà la grande eredità di Expo. Ma noi siamo d’accordo con Ermanno Olmi che ha presentato un video dai toni ‘No Expo’ in omaggio alla ‘Carta di Milano’: si vede il nostro amato pianeta che soffre e si vedono le colate di asfalto e cemento dei cantieri Expo. Il mondo chiede rispetto e non facile retorica”.

Articoli Correlati

Approvato anche in Consiglio regionale il documento che punta alla valorizzazione e tutela del fiume Chiese

Carolina Russo De Cerame

Perché l’anno nuovo è iniziato molto bene

Carolina Russo De Cerame

Pazzo io o pazzo questo clima?

Carolina Russo De Cerame